Ocean Viking salva 270 migranti in 24 ore al largo della Libia

Tra i naufraghi ci sono anche molte donne e bambini. Il più giovane ha solo quattro settimane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’equipaggio della nave di ricerca e soccorso ‘Ocean Viking’ ha salvato circa 149 persone da due gommoni in pericolo. Lo fa sapere l’Ufficio stampa dell’ong Sos Mediterranee alla Dire, spiegando che l’operazione è iniziata alle prime luci dell’alba. Tra i naufraghi, ci sono anche molte donne e bambini.
L’ong dichiara: “Siamo stati avvisati delle due barche in pericolo da Alarm Phone, che come noi ha informato subito le autorità. Abbiamo trovato i due gommoni in difficoltà dopo circa due ore di ricerca e abbiamo iniziato un salvataggio poco prima delle 7 del mattino e finito intorno alle 9. Circa 150 persone sono state salvate. Il numero di sopravvissuti deve essere confermato. Ci sono molti bambini e donne a bordo. Alcune delle donne sono incinte. Alcune persone hanno richiesto assistenza medica all’arrivo sull’Ocean Viking per il trattamento del dolore e del mal di mare o delle ferite subite in Libia, ma finora non ci sono stati casi medici gravi”.
Solo ieri la nave della ong riferiva di un altro salvataggio sempre al largo della Libia: recuperate circa 120 persone “da un gommone pericolosamente gremito, a 36 miglia dalla costa libica.
Tra i sopravvissuti- si apprende ancora- anche 59 minori. Il bambino più giovane ha quattro settimane. La maggior parte dei sopravvissuti proviene da Guinea Conakry, Mali, Camerun e Costa d’Avorio. I naufraghi appaiono visibilmente scossi ed esausti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»