Covid, Ue pensa a zone ‘rosso scuro’ e accelerazione su vaccini

Non è ancora tempo, invece, di parlare concretamente di passaporti vaccinali. "Bisogna tenere in considerazione i risvolti politici tra cui il rispetto dei diritti e dei dati personali delle persone", ha chiarito Ursula Von der Leyen
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Alessio Pisanò

BRUXELLES – Zone “rosse scuro”, accelerazione dei tempi per l’approvazione di nuovi vaccini e mutuo riconoscimento dei test diagnostici per il Covid-19. Questi sono i principali risultati della videoconferenza tenutasi ieri sera tra i capi di Stato e di governo dei Paesi dell’Unione europea (ue). L’obiettivo principale è contenere l’epidemia e, allo stesso tempo, evitare la chiusura delle frontiere all’interno dell’Ue. A tal fine, i leader hanno concordato l’introduzione di “zone rosso scuro” per quelle regioni europee con un alto tasso di positività al Covid-19. Per partire da queste aree zone saranno necessari test preventivi e quarantena all’arrivo. Inoltre, come ha sottolineato la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, in conferenza stampa, “tutti i viaggi non essenziali devono essere altamente scoraggiati”. I leader nazionali hanno chiesto anche all’Agenzia europea dei medicinali (Ema) di accelerare il processo di approvazione degli altri vaccini sotto esame, in primis quello Oxford-AstraZeneca, per il quale si attende l’ok definitivo entro la fine della prossima settimana. Non è ancora tempo, invece, di parlare concretamente di passaporti vaccinali. “Bisogna tenere in considerazione i risvolti politici tra cui il rispetto dei diritti e dei dati personali delle persone”, ha chiarito Von der Leyen, lasciando comunque intuire che la discussione su questo passaporto non e’ stata bocciata ma solo rinviata a un prossimo futuro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»