Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, Ricciardi: “Ci vuole un lockdown di un mese”

WALTER RICCIARDI
"Siamo in una situazione di stallo. Le misure adottate arrestano la crescita del virus ma non la invertono"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Siamo in una situazione di stallo. Le misure adottate arrestano la crescita del virus ma non la invertono“. Cosi’ il consulente del Ministero della Salute Walter Ricciardi al Tg Zero di Radio Capital. “Ci vuole un lockdown di un mese, bisogna limitare la circolazione anche per limitare l’impatto in Italia delle varianti spagnola e inglese. Chiudere tutto per poi riaprire, come è stato fatto dopo l’estate, non serve a niente. Bisogna tracciare e testare”, continua Ricciardi. “Ci vuole una zona rossa rispettata in tutte le sue limitazioni, che significa che per un mese non si può uscire se non per attività essenziali. Questa è una guerra che produce più morti della Seconda Guerra Mondiale”. Sui ricorsi presentati dalla Lombardia, per passare da zona rossa a zona arancione, Ricciardi non ha dubbi: “La Lombardia secondo me sbaglia, si tratta di una cosa surreale nel surreale. Stato e Regioni si sono messi d’accordo per ancorare le decisioni all’evidenza scientifica e i dati vengono presentati dalle Regioni stesse, quindi bisogna verificare che questi dati vengano procurati correttamente”, conclude Ricciardi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»