VIDEO | De Magistris: “Il baffo è bello in forma, credo vincerà”

Lo dichiara il sindaco di Napoli a margine della conferenza stampa di presentazione di Sandro Ruotolo come candidato alle elezioni suppletive per la Campania
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Sono molto contento della candidatura di Sandro che può essere votato convintamente da tutti i napoletani. Non è una candidatura di parte, è un uomo indipendente che ha accettato quando si è reso conto di essere sostenuto da un’ampia coalizione. Al Senato porterà la Napoli dell’orgoglio, delle sofferenze, la Napoli che dice basta alle discriminazioni, che va a testa alta e sa parlare di ogni argomento. Sarà, finalmente, un senatore napoletano a 360 gradi”. Lo ha detto alla Domus ars di via Santa Chiara il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, a margine della conferenza stampa di presentazione di Sandro Ruotolo come candidato alle elezioni suppletive del prossimo 23 febbraio per la Campania.

“Napoli è sempre avanti – sottolinea – e questa è la prima sperimentazione in cui si mette insieme una coalizione larga che nessuno pensava si potesse mai realizzare. Noi siamo disponibili ad allargarci con dei limiti rappresentati da mafiosi e razzisti con cui non vogliamo avere a che fare”.

Esperienza che per il primo cittadino potrebbe ripetersi “anche per il futuro, per le altre sfide, se si riescono a costruire campi di azione politica che sono ampi e fondati sui valori”. Se oggi “siamo qui con ‘Napoli con Ruotolo’ – precisa – abbiamo vinto, una vittoria del neomunicipalismo napoletano. Ruotolo si è candidato per vincere, noi lo sosterremo, e vincerà. Ma è rigore quando arbitro fischia: deve fare campagna elettorale e si deve andare a prendere i voti, deve camminare nei quartieri, nelle periferie. Il baffo è bello in forma, credo vincerà”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Ruotolo: “Io sono l’indipendente arrivato ora”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»