Venezia, Brugnaro presenta il salone nautico a Dusseldorf

“Venezia è di nuovo aperta al popolo del mare”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – “Venezia è di nuovo aperta al popolo del mare”. Lo afferma il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, presentando la prima edizione del salone nautico di Venezia che si terrà all’Arsenale dal 18 al 23 giugno, oggi alla fiera Boot di Dusseldorf. “La settimana del salone sarà un momento di grande ritrovo per il popolo del mare”, prosegue il sindaco. “Vogliamo che non sia solo un salone che rappresenta la bellezza e l’arte della nostra industria nautica, ma che sia un momento in cui le famiglie si ritrovano esprimendo amore per il mare”.

Quella di giugno sarà “la prima edizione” ma il Comune “ha finanziato per i primi tre anni e siamo aperti a suggerimenti e miglioramenti, siamo convinti sia un percorso da fare con calma”, aggiunge Brugnaro. “Ma sarà bello un giorno poter dire di aver partecipato alla prima edizione”.

Proprio di fronte all’Arsenale, indicato dal sindaco come “luogo militare della città, presidio occidentale della nostra cultura”, ci sarà “la biennale d’arte contemporanea”, per cui “attendiamo 500mila presenze” e che sarà collegata tramite un servizio di gondola traghetto. “Voi siete arte contemporanea. Dobbiamo parlare degli aspetti culturali dell’arte della nautica”, motiva Brugnaro. Nel logo, conclude il sindaco prima di invitare “tutti a venire a Venezia con la propria barca e la propria famiglia”, è stato “volutamente richiamato il leone della Repubblica Serenissima e la ‘V’ di Venezia”.

Alla conferenza hanno partecipato Petros Michelidakis, direttore del Boot di Dusseldorf, Alberto Galassi, amministratore delegato di Ferretti Group, Galliano Di Marco, direttore di Venice terminal passeggeri, Stefano Costantini della Marina Santelena e Alberto Sonino della Venezia Certosa Marina.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»