Usb proclama lo sciopero nazionale della scuola il 23 febbraio

Lo sciopero sarà anticipato se altre sigle sindacali saranno disponibili a promuovere un'unica mobilitazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Usb proclama lo sciopero nazionale della scuola per il 23 febbraio 2018.

Al centro dello sciopero, spiega il comunicato, “l’imminente rinnovo contrattuale con l’inserimento di regole liberticide e l’aumento dei carichi di lavoro di docenti ed Ata a parità di stipendio, le rivendicazione di tutti gli abilitati dell’infanzia e della primaria per l’immediata stabilizzazione che superi la sentenza dell’adunanza plenaria, un piano straordinario di mobilità che consenta agli esiliati di poter ritornare nelle proprie terre, la trasformazione di tutto l’organico di fatto in organico di diritto per permettere un piano di esaurimento definitivo delle GaE e delle graduatorie concorsuali, il rifiuto del FiT e l’ipotesi di qualsiasi percorso triennale dopo il concorso”.

“Avremmo auspicato- continua l’Usb- di poter scioperare prima del 23 febbraio, per questo avevamo chiesto all’Anief di ritirare lo sciopero degli scrutini e aprire ad uno sciopero di tutto il mondo della scuola unendo anche contratto e mobilità. Probabilmente gli interessi del sindacato dei presidi Udir, costringe Anief a non mettere al centro la questione contrattuale, dovendo gestire un aumento di soldi e poteri ai presidi che mal si concilia con le richieste di docenti ed Ata”.

Nel proclamare lo sciopero Usb “si rende comunque disponibile ad anticipare la data, qualora altre forze sindacali e coordinamenti autonomi ce lo chiedano”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»