Governo, Salvini: “Pronti al voto in primavera, con qualunque legge elettorale”/VIDEO

"C'è bisogno di un Parlamento e di un Governo legittimi e credibili che facciano in fretta", dice il leader del Carroccio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Noi siamo pronti ad andare a elezioni entro primavera, con qualunque legge elettorale”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini, che oggi ha incontrato i giornalisti davanti al Palazzo della Consulta per chiedere alla Corte costituzionale di fare in fretta con la sentenza sull’Italicum. A chi gli chiede del Movimento 5 stelle, Salvini risponde: “Gridano ‘onestà onestà’, ‘Subito al voto’ ma adesso mi pare siano silenti”.

“CONSULTA DIA PRESTO LEGGE PER VOTARE SUBITO”

“In questo momento drammatico di sofferenza per il Paese bisogna fare presto. La Consulta martedì dia agli italiani e al Parlamento una legge elettorale con cui andare a votare subito“, dice il leader della Lega incontrando stamane i giornalisti davanti al Palazzo della Corte costituzionale che, dal 24, si riunirà per decidere sull’Italicum. “C’è bisogno- aggiunge Salvini- di un Parlamento e di un Governo legittimi e credibili che facciano in fretta, siano preparati e comincino a costruire, a prevenire, a spendere e ad assumere. Cose che questo governo non è in grado di fare.”

“PATTO BERLUSCONI-RENZI? SAREBBE UN MINESTRONE”

“Spero e penso di no”. Risponde così Matteo Salvini a chi gli chiede, come riportato da indiscrezioni di stampa, se ci sia un patto tra Matteo Renzi e Silvio Berlusconi sulla legge elettorale per un proporzionale corretto. “Questo non è il momento degli inciuci e dei minestroni– sottolinea-. Bisogna offrire agli italiani un’alternativa chiara a questo governo e a Renzi. Spero che Berlusconi ci stia”.

“UN NUOVO PARTITO? NON È NEI MIEI PIANI”

“Sono sempre divertenti le ricostruzioni su quello che ho in testa. Fondare un nuovo partito non è nei miei piani”, dice Salvini ai cronisti mentre si trova davanti al Palazzo della Consulta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»