Rosarno. Oliverio: “Necessario intervento umanitario”

REGGIO CALABRIA - Il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

OlivERIO_MArioREGGIO CALABRIA – Il presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, nel corso della trasmissione televisiva “Mattino Cinque”,  condotta da Federica Panicucci e Federico Novella, questa mattina ha  richiamato l’attenzione del Governo e dell’Europa  sullo stato di degrado in cui versano, in Calabria, i campi di accoglienza per immigrati.

Nel corso della trasmissione, l’emergenza di Rosarno è stata affrontata, grazie ad un servizio realizzato nei giorni scorsi. ” Si tratta- ha detto il presidente Oliverio- di un vero e proprio lager. La Regione, pur non avendo competenza in materia è intervenuta in un’ ottica di assistenza, perché, di fronte ad una situazione del genere, non si può rimanere indifferenti e girare la faccia dall’altra parte”.

“È urgente un intervento di carattere umanitario per affrontare questa situazione grave”, ha proseguito Oliverio. “È necessario rimuovere ogni ostacolo per rendere immediatamente utilizzabili  le strutture  per le quali sono state investite consistenti risorse pubbliche. Bisogna mettere a punto un progetto che consenta di realizzare condizioni di accoglienza diffusa sul territorio. L’obiettivo deve essere quello di cancellare la vergognosa realtà delle tendopoli. L’Europa non può rimanere indifferente. Le Regioni del Sud sono il primo approdo per le migliaia di disperati che attraversano il Mediterraneo e  non possono e non  devono essere lasciate sole“.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»