Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ciacciarelli: “Social mezzo straordinario, difendiamoci dall’odio”

social media
Campagna del Corecom Lazio in collaborazione con l'Agenzia Dire
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I social sono “un mezzo straordinario, che ci ha dato la possibilità di accorciare le distanze e di comunicare con migliaia di persone. Questo mezzo ha però in sé delle insidie che dobbiamo scongiurare”. A dirlo, in una video-pillola, è Pasquale Ciacciarelli, consigliere regionale del Lazio.

Le inside sono quelle “dell’odio social, del cyberbullismo. Persone ignare vengono perse di mira, messe all’angolo e, in alcuni casi, sono anche arrivate a gesti di autolesionismo. Ecco, noi dobbiamo evitare questo. Dobbiamo denunciare queste azioni criminose, difendere i nostri amici da azioni di questo genere. Solo con un uso corretto dei social, con la denuncia di queste azioni, non perpetrando queste azioni, tenendo sempre presente che la nostra reputazione digitale è qualcosa di importantissimo, che non può essere sporcata da questo, si potrà portare avanti l’utilizzo corretto di questi mezzi di comunicazione che hanno sicuramente migliorato la vita di noi tutti”.

La video-pillola è stata realizzata nell’ambito della campagna del Corecom Lazio – che affronta le tematiche della Dipendenza, dell’Odio in Rete, del Cyberbullismo, del Sexting e dell’Adescamento online –, realizzata in collaborazione con l’agenzia di stampa Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»