Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Natale si risparmia anche a tavola, 53,8% dei consumatori spenderà meno di 100 euro

A fare da sfondo la situazione di incertezza che aleggia tra gli italiani rispetto alla possibilità di riprendere a fare grandi festeggiamenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si avvicina il giorno di Natale, e con esso il fatidico cenone del 24 sera e il pranzo del 25 dicembre. Com’è ben noto, si tratta di eventi fondamentali per gli italiani, che difficilmente sono disposti a fare rinunce quando si tratta di mangiare bene e di preparare tavole imbandite per celebrare i giorni di festa. Eppure, sembra proprio che quest’anno la crisi si faccia sentire anche sul menù natalizio. A questo proposito, Tiendeo.it, compagnia leader in promo e offerte su cataloghi digitali, ha realizzato uno studio consultando i propri utenti su quanto pensano di spendere per pranzo e cena di Natale e sulle intenzioni d’acquisto rispetto allo scorso anno. L’aumento dei prezzi si fa sentire, così come il crollo del potere d’acquisto dei consumatori: più della metà degli intervistati infatti affermano che non spenderanno più di 100 euro per pranzo e cena.

A fare da sfondo è la situazione di incertezza che aleggia tra gli italiani rispetto alla possibilità di riprendere a fare grandi festeggiamenti, oppure mantenere un atteggiamento cauto e restio evitando gli assembramenti tipici del periodo festivo. La conferma arriva anche dai dati Istat, e dall’allarme lanciato dal Codacons rispetto agli effetti sui consumi dell’inflazione del +3,8%, che rappresenta per la famiglia “tipo” un aumento di +1167 euro annui (i valori più alti registrati negli ultimi 13 anni).

8 CONSUMATORI SU 10 SPENDERANNO MENO DI 150 EURO. SONO LE DONNE LE PIÙ OCULATE

Riguardo al budget per la spesa di Natale, quest’anno si riduce ai minimi termini: per il cenone e per il pranzo del 25, il 53,8% degli intervistati dichiara che spenderà meno di 100 euro. Il 25% dice che spenderà tra 100 e 150 euro, il 15,4% tra 150 e 200, l’1,9% tra 200 e 300, mentre il 3,8% più di 300 euro. Secondo i dati, le donne mostrano maggiore attenzione al risparmio e all’ottimizzazione riguardo ai costi per la spesa per pranzo e cena di Natale: l’82,35% delle donne prevede di spendere meno di 150 euro, contro il 72,23% degli uomini.

CALO DI INTERESSE: LE RICERCHE PER LA SPESA REGISTRANO UN CROLLO TOTALE DEL -17,77%

Stando ai risultati della ricerca sulle intenzioni d’acquisto dei consumatori a una settimana dal Natale, le proiezioni sono di un importante calo generale ( -17,77%) se comparati con l’anno scorso. Gli ingredienti principali dei piatti tipici natalizi perdono punti rispetto allo stesso periodo del 2020. Al primo posto a pari merito la carne e i latticini (burro, latte, formaggi, panna…), che registrano una caduta del -35,6%, seguono gli affettati con il -29.32 % e frutta e verdura con il -29,12%. Completano la top 5 il pesce con il -22.18% e il cereali (tra cui pasta, riso e farina) con il -17.82 %. Passando invece alle bevande, il calo è inferiore se facciamo un’analisi totale (-10,87%), mentre aumenta vertiginosamente se prendiamo in considerazione solo le bevande alcoliche (-21,48%).

PANETTONE CONTROCORRENTE: +31,78% NELLE INTENZIONI D’ACQUISTO DEI CONSUMATORI

Il panettone si aggiudica il primo posto come prodotto più ricercato dai consumatori in prossimità del Natale: malgrado la crisi generale e i tagli al budget, il dolce milanese resiste e va controcorrente, con una crescita del +31,78% nelle intenzioni d’acquisto rispetto al 2020. Ma non è tutto, la crescita del panettone è ancora più interessante se contestualizzata all’interno della categoria dolci, che rispetto allo scorso anno ha perso il -8,13%. A seguire champagne e gamberi, con una crescita rispettivamente del +19,28% e +18,26%. Si difende anche il salmone affumicato, prodotto tipico delle festività natalizie, che registra un +4,38% rispetto al 2020.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»