VIDEO | Da Scabec 365 Christmas Card per visitare i musei campani

A spiegare alla Dire i dettagli della campania>artecard in edizione limitata è Giancarlo Carosone, titolare di Box Office in galleria Umberto a Napoli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Per acquistare la 365 Christmas Card si può venire qui da noi al Box Office, dalle 10 alle 14 sabato compreso, o prenotarla via telefono o sul nostro sito e noi la mettiamo da parte per il ritiro in negozio. In questo momento, e fino al 6 gennaio 2021, il prezzo della card è particolarmente vantaggioso: quella intera costa 35 euro (invece di 43, ndr) e quella ridotta per gli under 25 costa 27 euro (invece di 33, ndr). Dura 365 giorni dal primo utilizzo e dà diritto a visitare 25 siti per 2 volte nell’arco dell’anno per un totale di 50 ingressi. Nel caso di chiusure straordinarie dei luoghi coinvolti, la card attivata verrà sospesa temporaneamente fino alla normalizzazione degli ingressi”. A spiegare alla Dire i dettagli della campania>artecard in edizione limitata, lanciata da Scabec per sostenere e promuovere i musei e i siti archeologici della Campania, è Giancarlo Carosone, titolare di Box Office in galleria Umberto a Napoli.

Il pass, che consente di accedere in 25 siti selezionati del circuito Artecard, tra cui Pompei, il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, la Reggia di Caserta, il Museo e Real Parco di Capodimonte, i Templi di Paestum e molti altri, permette di ottenere anche 20 ingressi con scontistica in altri siti e musei della Campania. I possessori del pass 365, inoltre, accederanno gratuitamente all’esclusivo Club dell’Arte, una community digitale di amanti dell’arte per essere informati in anteprima su eventi e mostre, per ricevere inviti esclusivi e aderire al servizio di customer care via whatsapp. Per promuovere l’iniziativa per il Natale 2020 e per creare un circolo virtuoso con le maestranze locali che fanno parte della cultura artigianale regionale, è stato anche realizzato un biglietto d’auguri contenente i dettagli della Christmas Artecard che è stato consegnato ad alcune attività commerciali della Campania e di Napoli.

“Abbiamo sempre creduto nel connubio tra arte, cibo e cultura e per questo – racconta alla Dire Massimo Di Porzio, del ristorante e pizzeria ‘Umberto’ di via Alabardieri a Napoli – abbiamo voluto aderire all’iniziativa di Artecard 365, che prevede delle offerte promozionali per permettere di godere della cultura campana, per cercare di promuovere siti archeologici e musei”.
“Abbiamo sempre puntato – sottolinea Sergio Curcio che di Casa Infante è il responsabile marketing – sugli aspetti della cultura artigianale, del fatto a mano, e quando Scabec ci ha coninvolti in questa iniziativa che mira ad attrarre qui persone interessate alla cultura della nostra regione, siamo stati molto contenti. Cosa c’è di meglio di mangiare una sfogliatella, un gelato, e fare una bella visita in un museo, andare a Pompei a vedere gli scavi e godere delle bellezze che la Campania può offrire?“.
“La Campania e Napoli in particolare – evidenzia dall’antica cioccolateria Gay-Odin Massimo Schisa – sono territori vocati non solo al turismo, ma proprio ai viaggiatori. Con Artecard ci sono delle promo che permettono di usufruire dei siti culturali per tutto l’anno facendoli diventare dei posti da vivere 365 giorni all’anno. Noi abbiamo voluto aderire a questa campagna utilizzando dei biglietti di auguri che abbiamo inserito in tutte le spedizioni fatte fuori Napoli per diffondere questa proposta oltre il territorio regionale”.

Per maggiori informazioni e per acquistare la 365 Christmas Card visita il sito di Campania ArteCard dedicata all’iniziativa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»