Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Covid, i medici di Roma: “Variante non spaventi, non aumenta gravità malattia”

tamponi covid
"Anche i vaccini saranno efficaci perché non cambia il virus ma cresce soltanto ha la capacità di infettare", dice il presidente dell'Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa variante del virus non ci deve spaventare, perché aumenta la capacità di infettare ma non la gravità della malattia”. Così il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, interpellato sul tema dall’agenzia Dire.

“La malattia rimane tale- ha proseguito Magi- quindi anche i vaccini saranno efficaci perché non cambia il virus ma cresce soltanto ha la capacità di infettare. Per il resto, bisogna mantenere le distanze e usare le mascherine. Se continuiamo a farlo- ha concluso- non ci saranno problemi”.

REGIONE LAZIO ESTENDA VACCINAZIONE A LIBERI PROFESSIONISTI

“Ho proposto alla Regione Lazio di estendere la vaccinazione contro il Covid anche ai liberi professionisti attraverso una app o un form sul sito regionale. So che si stanno attivando”- fa sapere il presidente dell’Ordine dei medici di Roma- Sull’adesione le Asl stanno rispondendo abbastanza bene, mi risulta che ad oggi circa il 70% del personale sanitario abbia aderito alla vaccinazione volontaria contro il Covid. Mi sembra un’ottima percentuale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»