Tg Lazio, edizione del 21 dicembre 2020

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

COVID, 531 TEST IN AEROPORTI: POSITIVO PASSEGGERO RIENTRO DA REGNO UNITO

Sono stati 531 i test eseguiti ieri negli aeroporti di Fiumicino e Ciampino su passeggeri di rientro dal Regno Unito. Uno è risultato positivo al tampone molecolare, per questo lo Spallanzani ha avviato la procedura per l’isolamento della sequenza del virus per verificare la cosiddetta variante. Dall’Istituto per le malattie infettive hanno spiegato che “i virus mutati sono una evenienza che si è già verificata dopo l’estate, quando il ceppo predominante in Europa, è stata una variante probabilmente introdotta dalla Spagna”. Negativo, invece, il tampone di un altro passeggero che era stato posto in isolamento.

COVID, NESSUN FURTO BENI A PAZIENTE DECEDUTO AL SAN CAMILLO

Non c’è stato nessun furto di beni personali di un paziente deceduto, all’ospedale San Camillo di Roma. Dopo la denuncia della figlia, il direttore generale, Fabrizio d’Alba, ha fatto sapere oggi che “si è trattato di un grave e imperdonabile errore di comunicazione tra i coordinatori infermieristici dei reparti dove l’uomo è stato ricoverato. I suoi beni, infatti, come da prassi sono custoditi nella cassaforte dell’ospedale”. “Non c’è stato alcun sciacallaggio” ha aggiunto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, che ha espresso alla figlia il cordoglio per la perdita del padre.

ALFONSI A CAMPIDOGLIO: RIAPRA PLAYGROUND COLLE OPPIO O FAREMO NOI

“Oggi diamo un ultimatum al Comune di Roma: ha 30 giorni di tempo per riaprire il playground di Colle Oppio. Se non avverrà saremo costretti a fare un’azione di irresponsabilità civile”. Lo ha detto la presidente del I Municipio, Sabrina Alfonsi, al termine di una mattinata passata a ispezionare il playground di Colle Oppio. La struttura sportiva, composta da un campo da basket, uno skate park e due campi da calcetto vista Colosseo, è stata donata dal Coni e consegnata al Campidoglio a metà giugno 2020. Da allora non è stata mai aperta ma è presa d’asalto ogni giorno dai ragazzi che entrano nell’area di nascosto. “Questo è un bene che dovrebbe essere riconsegnato alla cittadinanza” ha ribadito Alfonsi.

ARSIAL COMPIE 25 ANNI, CIARLA: TORNARE A INVESTIRE SU AGENZIA

Anello di congiunzione tra il mondo della produzione e quello della ricerca. E’ la nuova missione di Arsial, l’agenzia della Regione Lazio per lo sviluppo e l’innovazione dell’agricoltura, che compie 25 anni di vita e “sulla quale è necessario tornare a investire” ha detto il nuovo presidente, Mario Ciarla, in occasione di un webinar a cui è intervenuto anche il presidente della Regione, Nicola Zingaretti. “L’Arsial ci ricorda che il cibo che viene dalla terra è uno dei diritti inalienabili per tutti- ha sottolineato il governatore- Difendere il cibo significa difendere la qualità, i profumi, i paesaggi, i borghi. Un valore inestimabile che fa occupare all’Italia un posto di prim’ordine”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»