Covid, Sileri: “Piano pandemico lettera morta? Cercherò sempre verità”

sileri
"Non sono un epidemiologo, ma da quando sono diventato viceministro ho letto e riletto il piano pandemico e ho visto quello che mancava"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È preoccupante che in tutti questi anni il piano pandemico non sia stato ne’ rinnovato ne’ migliorato. Ma il punto che mi preoccupa di piu’ e’ un altro: il piano e’ stato applicato a livello periferico o e’ rimasto lettera morta per tutti questi anni? E quante delle azioni previste sono state effettivamente realizzate?”. Lo scrive in un post su Facebook il viceministro della Salute, Pierpaolo Sileri.

“Nel piano, ad esempio, e’ prevista la costituzione di un comitato nazionale per la pandemia- prosegue- dove si trova questo comitato? Sono mesi che ho chiesto di conoscere da chi e’ composto, chi lo dirige, quando si e’ riunito e che documenti ha prodotto. Possibile che in tutti questi mesi di pandemia non abbia incontrato nessuno dei componenti?”.

Secondo Sileri una “cosa del genere e’ inaccettabile non solo per me, ma per 60 milioni di italiani che meritano verita’ e chiarezza- sottolinea ancora il viceministro nel post- perche’ il ministero della Salute dovrebbe essere come una casa trasparente nella quale e’ possibile entrare e conoscere cio’ che viene svolto all’interno. Non sono un epidemiologo, ma da quando sono diventato viceministro ho letto e riletto il piano pandemico e ho visto quello che mancava. E quando manca una cosa, una persona onesta cerca di aggiungere e migliorare quello che non c’e’ e, finche’ restero’ al mio posto, cerchero’ sempre la verita’ e di sistemare cio’ che non funziona”, conclude.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»