Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’ordinanza di Zaia ha funzionato: meno assembramenti nelle città venete

Luca zaia
Mario Conte, presidente Anci Veneto e sindaco di Treviso, sottolinea come anche i sindaci abbiano "fatto la loro parte facendo squadra con la Regione"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Nell’ultimo fine settimana l’ordinanza del presidente della Regione Luca Zaia “ha dato risultati positivi e confortanti, evitando quasi ovunque pericolosi assembramenti”. Lo sostiene Mario Conte, presidente Anci Veneto e sindaco di Treviso, che sottolinea come anche i sindaci abbiano “fatto la loro parte facendo squadra con la Regione”.

Anche per questo l’attacco del Codacons, che ha presentato un esposto contro le amministrazioni di alcune città, “è una mancanza di rispetto nei confronti di chi si trova al fronte ed in prima linea contro il covid 19 da mesi”. Di fatto, “in Veneto non ci sono sindaci coinvolti nell’esposto e credo che questa ordinanza abbia messo al sicuro i Comuni da eventuali denunce”, sostiene Conte. “Siamo perfettamente d’accordo che la salute dei cittadini viene prima di tutto, ma non credo che prendersela per via legali con gli amministratori individuandoli come unico capro espiatorio risolva l’emergenza”.

D’altro canto “i cittadini hanno dimostrato senso civico ed hanno rispettato le regole e per questo non possiamo che ringraziali. Purtroppo siamo consapevoli che le regole più stringenti rischiano di mettere in difficoltà le attività economiche, ma i sindaci sono al fianco di ristoratori, negozianti, esercenti e ci auguriamo che il governo predisponga i ristori necessari per le categorie colpite che sono tra l’altro il cuore pulsante dei nostri centri storici”, conclude Conte.

LEGGI ANCHE: Covid, Zaia: “Il Governo prenda nuove misure ma con ristori proporzionati”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»