Gratteri: “La prescrizione è una ghigliottina. Facciamo partire la riforma e velocizziamo i processi”

Così Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro, sulle nuove norme sulla prescrizione che entreranno in vigore a gennaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – A livello teorico per me “la prescrizione è una ghigliottina”. Ma intanto “facciamo partire questa prescrizione perche’ costringerà il potere politico, il legislatore a fare le modifiche necessarie per velocizzare i processi. In Italia si fanno sole provvedimenti emergenziali”. Ad esempio, “i provvedimenti antimafia fatti negli ultimi 30 anni sono arrivati sempre il giorno dopo le stragi”. Lo dice Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro, a Sky Tg24, in merito alle nuove norme sulla prescrizione che entreranno in vigore a gennaio.

Poi spiega: “Come principio sono contrario, ma nel concreto sono favorevole perche’ cosi si faranno le riforme necessarie. Con le pressioni delle camere penali, dell’opinione pubblica si costringerà a fare quelle modifiche che servono per velocizzare i processi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»