Prescrizione, l’ultimatum di Renzi: “Patto di maggioranza o in parlamento voto libero”

"Solo la demagogia può pensare di far credere che per i cittadini sia meglio così"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “La prescrizione scatta perché due forze politiche populiste, Cinque Stelle e Lega, hanno votato questa legge assurda. Noi abbiamo votato contro e io ne vado fiero. Una giustizia senza fine non è giustizia. E solo la demagogia può pensare di far credere che per i cittadini sia meglio così”. Lo dice Matteo renzi, leader di Italia viva, al ‘Sole 24 ore’.

“Detto questo, penso che ci sia un problema di fondo- aggiunge-. Sulla giustizia le forze politiche che compongono la maggioranza hanno visioni diametralmente opposte: non è solo la prescrizione, ma la presunzione d’innocenza, misure come la confisca e molto altro. O si trova un accordo serio, stabile, equilibrato. O ciascuno in Parlamento vota come vuole. La responsabilità di trovare un punto d’equilibrio spetta innanzitutto al ministro. Se ci sarà un patto di maggioranza, bene. Altrimenti ciascuno voterà in libertà”.

GREGORETTI. RENZI: IN PASSATO GIÀ VOTATO SÌ, MA CORRETTO LEGGERE CARTE

“Noi siamo sempre garantisti. Ma non dobbiamo giudicarlo noi: dobbiamo solo decidere se ricorrono le condizioni per procedere sull’eventuale reato del ministro. L’autorizzazione a procedere non ha niente a che vedere con il garantismo”. Lo dice Matteo Renzi, leader di Italia viva, al ‘Sole 24 ore’.

“Il nostro giudizio politico e umano nei confronti di Salvini è netto- aggiunge-: ha sbagliato lui e con lui ha sbagliato tutto il suo Governo che lo ha vergognosamente sostenuto e coperto. Processualmente abbiamo già votato in passato a favore dell’autorizzazione e non credo che la vicenda sia molto diversa. Tuttavia correttezza vuole che prima si leggano le carte, poi si comunichi la decisione: tutti i politici dovrebbero imparare a fare così, attenendosi al merito e non fermandosi agli slogan. Certo noi non cambiamo idea sulla base dell’interesse politico: giudichiamo i fatti”.

RENZI: CARFAGNA? DECIDERA’ LEI SE UNIRSI A NOI

“Mara Carfagna è una persona perbene. E come tale non va tirata per la giacchetta. Deciderà lei. Certo è che c’è uno spazio del 20% di persone che rifiutano quelli che un tempo si chiamavano gli opposti estremismi. Se Mara avrà voglia di unirsi a noi, bene. Noi in ogni caso andiamo avanti. I recenti sondaggi che ci vedono finalmente in ripresa dopo le polemiche delle scorse settimane ci incoraggiano in questa direzione”. Lo dice Matteo Renzi, leader di Italia viva, al ‘Sole 24 ore’.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»