Sudan, scontri e morti nelle proteste per il pane

ROMA - Almeno otto persone sono state uccise in Sudan nel secondo giorno di disordini scoppiati a margine di manifestazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Almeno otto persone sono state uccise in Sudan nel secondo giorno di disordini scoppiati a margine di manifestazioni di protesta contro il carovita.

Fonti di stampa concordanti hanno riferito che le proteste si sono tenute anzitutto nelle città di Gadaref, Sennar e Dongla, rispettivamente nell’est, nel centro e nel nord del Paese. A Gadaref manifestanti hanno assaltato e dato alle fiamme la sede del Partito del Congresso nazionale (Ncp), scontrandosi con reparti della polizia anti-sommossa.

All’origine delle proteste l’aumento dei prezzi di una serie di generi di prima necessità, a cominciare dal pane, con il prezzo di un filone passato da uno a tre scellini.

Secondo testimoni citati dal quotidiano ‘Sudan Tribune’, a Gadaref agenti in borghese hanno aperto il fuoco sui dimostranti, uccidendo due studenti.
Esponenti del governo di Khartoum hanno però negato che i cortei siano stati repressi in modo deliberato.

“Manifestazioni pacifiche – ha detto il ministro dell’Informazione Bushara Juma – si sono trasformate in attività sovversive che hanno preso di mira istituzioni e proprietà pubbliche con incendi e devastazioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»