Lavoro, irregolarità in 2 aziende su 3 e 44 mila posti in nero

Quadro sconcertante dagli accertamenti sulle irregolarità nel mondo del lavoro: il 65% delle aziende risulta non in regola
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Nel periodo che va dal primo gennaio al 30 novembre 2017 gli ispettori del lavoro hanno controllato 150.651 aziende e sono stati contestati illeciti a 95.006 di esse, che rappresentano il 65% degli accertamenti. È uno dei dati presentati oggi dal ministro Giuliano Poletti insieme al capo dell’ispettorato nazionale del lavoro Paolo Pennesi, relativo all’attività ispettiva dell’anno che sta per concludersi.

Pertanto circa 2 aziende su 3 sono state trovate in una situazione di irregolarità, un dato che, viene segnalato, evidenzia una proficua attività di intelligence nella scelta delle realtà da verificare. Gli accertamenti hanno portato alla individuazione di 43.792 lavoratori in nero, un dato “di assoluto rilievo- sottolinea la relazione- in quanto presuppone mediamente la presenza di un lavoratore in nero ogni due aziende irregolari”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»