Dea Selvaggia: “In questi giorni i miei ‘schiavi’ puliscono casa vestiti da Babbo Natale”

La mistress più famosa d'Italia rivela alcuni particolari della sua attività
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Dea Selvaggia, la mistress più famosa d’Italia, è intervenuta questa mattina ai microfoni di ECG, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università Niccolò Cusano, per parlare di alcuni particolari della sua attività.

Niente sesso, solo pulizie

“Sono circondata da adoratori, veneratori, schiavi. L’altro giorno ho usato un uomo come sgabello e lui ha voluto farsi schiavizzare travestito da Babbo Natale. Molti uomini amano travestirsi. C’è chi si traveste da donna, chi si traveste da pollo. Da asino. Ma anche da cavallo. Chi si traveste da queste cose ama i giochi di ruolo. Molti amano venire a fare le pulizie da me. Ci sono delle selezioni per diventare miei schiavi. C’è chi a casa non fa nulla e nell’umiliazione, nella venerazione che prova nei miei confronti, viene per farmi da servetto. Non fanno sesso con me. Non hanno il permesso di toccarmi. Al massimo possono toccarmi o leccarmi i piedi. Non faccio sesso con nessuno, nessuno ha la possibilità di palparmi. Quasi tutti quelli che vengono con me sono sposati. Tre/quarti dei miei schiavi sono sposati”.

Il travestimento più strano

“Una volta è capitato un ragazzo che si è travestito da mummia e che ha voluto abbinare alla mummia l’essere una troia. Ci ha messo trucchi, stivali. Si è travestito da mummia sgualdrina“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»