hamburger menu

VIDEO | I giocatori dell’Iran non cantano l’inno nel match contro l’Inghilterra

La nazionale ha scelto di manifestare solidarietà al movimento di protesta che scuote il Paese dal 16 settembre, dopo la morte della 22enne Mahsa Amini. Pubblico diviso: fischi ma anche applausi e lacrime

Pubblicato:21-11-2022 18:20
Ultimo aggiornamento:21-11-2022 20:14
Canale: Mondo
Autore:
iran_inno_mondiali_proteste
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Sono rimasti in silenzio i giocatori della Nazionale di calcio iraniana, non intonando l’inno prima della partita dei Mondiali di Qatar 2022 contro l’Inghilterra. I calciatori persiani guidati dal ct Carlos Queiroz si sono già rifiutati in alcune occasioni internazionali di cantare l’inno della Repubblica islamica aderendo al movimento di protesta che dal 16 settembre scuote il Paese, dopo la morte della 22enne Mahsa Amini, per chiedere cambiamento politico e riforme democratiche.

La decisione dei calciatori è stata accolta con un misto di fischi e applausi dal pubblico presente allo stadio Al Khalifa di Doha. Le telecamere hanno anche pescato una donna visibilmente commossa che applaude convintamente il gesto della nazionale dell’Iran.

LEGGI ANCHE: Iran, a 80 anni si toglie il velo e invita alla protesta: il video è virale

I PRECEDENTI

Non sono gli unici atleti a esporsi contro il governo di Teheran: a inizio novembre, il calciatore di beach soccer Saeed Piramoon durante un match a favore di telecamere aveva fatto il gesto di tagliarsi una ciocca di capelli, gesto che le donne iraniane stanno compiendo in patria e all’estero per chiedere la fine di discriminazioni e ingiustizie di cui accusano lo Stato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-21T20:14:05+01:00