hamburger menu

Suor Cristina, l’incredibile trasformazione fa impazzire i social: ecco a chi somiglia

Le vincitrice di The Voice of Italy 2014 ha rivelato a Verissimo di aver abbandonato i voti per dedicarsi esclusivamente alla musica

Pubblicato:21-11-2022 17:11
Ultimo aggiornamento:21-11-2022 17:20
Canale: Spettacolo
Autore:
suor-cristina
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – L’addio al velo di Suor Cristina ha creato scalpore. Le vincitrice dell’edizione 2014 di The Voice of Italy, ha rivelato ieri a Verissimo di aver abbandonato i voti per dedicarsi esclusivamente alla musica, suscitando stupore sui social. Oggetto di discussione da ore tra gli utenti su Twitter è anche, e soprattutto, l’incredibile trasformazione estetica dell’ex suora, che si è presentata nello studio di Silvia Toffanin in forma smagliante, indossando un elegante tailleur rosso e con un make up impeccabile.

SUOR CRISTINA, A CHI SOMIGLIA?

“Suor Cristina si è tolta il velo ed è diventata Aria Montgomery doppiata da Adua Del Vesco”, scrive un’utente su Twitter. “Suor Cristina che oggi è diventata Lindsay Lohan”, cinguetta una seconda voce. “Ma (Suor) Cristina è diventata Jenna Coleman”, scrive un terzo. Un altro utente posta invece una foto ‘prima e dopo’, con la trasformazione di Whoopi Goldberg suora-cantante nel film “Sister Act”.

MEME E COMMENTI DOPO L’ANNUNCIO DI SUO CRISTINA

Lo scioccante annuncio ha ovviamente suscitato anche l’ironia del web. Tanti coloro che la vedono già in pole position come concorrente del prossimo Gif Vip (con tanti video e meme di Alfonso Signorini impazzito dopo l’annuncio).

Non mancano poi i post sulle motivazioni che hanno spinto Suor Cristina a scegliere di abbandonare la Chiesa. “Il motivo per cui Suor Cristina si è desuorata non ho certezze ma nemmeno dubbi”, scrive un utente a corredo di una foto della cantante con Damiano dei Maneskin. “Suor Cristina quando ha saputo dei 20mila euro del bonus matrimoniale!!!”, commenta un secondo.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-11-21T17:20:02+01:00