Morra si scusi su Santelli. L’Italia non è la Rupe Tarpea

"Era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte", ha dichiarato Morra
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Era noto a tutti che la presidente della Calabria Santelli fosse una grave malata oncologica. Umanamente ho sempre rispettato la defunta Jole Santelli, politicamente c’era un abisso. Se però ai calabresi questo è piaciuto, è la democrazia, ognuno dev’essere responsabile delle proprie scelte: hai sbagliato, nessuno ti deve aiutare, perché sei grande e grosso». Lo ha detto a Radio Capital il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra. Un’affermazione che ha scosso tutti, ha fatto prendere le distanze anche al suo partito pentastellato e gli è costata qualche intervento pubblico in tv andato a monte. Ma non basta. Non può bastare. Va riconosciuta a Morra una controtendenza. Rispetto al nazional popolare tipico che santifica i morti, pure i peggiori, lui invece non si fa scrupolo di addebitare alla ‘defunta’, come carinamente la chiama, non solo i mali della Calabria, ma una sorta di ‘arroganza’ per essersi candidata quando era già metastatica e al contempo, ai calabresi, una bella tara di stupidità per averla votata. In buona sostanza è la malattia a qualificare la persona: benvenuti a Sparta e alla Rupe Tarpea.

LEGGI ANCHE: Salvini: “Chi chiede le dimissioni di Morra è amico della mafia? Lo querelo”

“La Calabria è irrecuperabile, i cittadini hanno quel che si meritano”: è bufera su Nicola Morra

Ma soprattutto Morra, che invece di parlare di ndrangheta si diletta a trovare nel tumore di Santelli la causa dei mali della Regione, fa un po’; pensare al “traffico di Palermo” causa di tutti i mali della Sicilia, nella celebre pellicola Johnny Stecchino e mostra di non conoscere cosa accade alle persone che vivono un cancro. Dati AIOM dicono che “quasi 3 milioni e mezzo di italiani vivono dopo la diagnosi di cancro, il 63% delle donne e il 54% degli uomini sono vivi a 5 anni dalla diagnosi”. Le donne metastatiche con un cancro del seno, nel nostro Paese, sono 37 mila. Tutte queste sono persone che vivono, lavorano, imprenditori, insegnanti, giornalisti, e perché non politici? Sono persone che scelgono, agiscono e costruiscono, si sposano, allevano figli, nipoti, si separano, si guadagnano il pane, sono dirigenti d’azienda o addetti alle pulizie. Non è una colpa ammalarsi, non è un merito esser sani. Buffo questo Paese che per un pugno di cellule chiamate embrioni ingaggia crociate etiche terrorizzando con lo spauracchio delle teorie eugenetiche e poi lascia che un rappresentante delle Istituzioni, con un ruolo cosi importante, si metta a condannare una donna perché malata e resti al suo posto. Speriamo di no, speriamo che sia mandato a fare altro. Magari ad occuparsi del traffico, uno dei peggiori mali di Palermo, sempre per tornare al simpatico film Johnny Stecchino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»