VIDEO | Salvati 9 piccoli di pesce spada pescati illegalmente a Reggio Calabria

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print [video width="1280" height="720" mp4="https://media.dire.it/2019/11/video-pesci-spada.mp4"][/video] REGGIO CALABRIA - Durante l'attività di monitoraggio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Durante l’attività di monitoraggio della pesca marittima disposta dalla Direzione marittima di Reggio Calabria, il personale di una motovedetta ha intercettato e sequestrato due palangari derivanti di circa 4.000 metri, utilizzati per la cattura illegale di piccoli di pesce spada.

L’intervento ha portato al recupero di 31 piccoli esemplari di pesce spada, di cui 9 sono stati immediatamente liberati in mare poiché ancora in vita. Gli altri pesci, ritenuti adatti al consumo umano dal personale dell’Asp servizio veterinario, sono stati posti sotto sequestro e poi donati in beneficienza alle associazioni caritatevoli locali, per il tramite della prefettura di Reggio Calabria.

Il pesce spada rientra tra le specie ittiche protette la cui cattura è sottoposta a particolari restrizioni dettate dalle vigenti normative nazionali e comunitarie. In particolare, la cattura di esemplari al di sotto della taglia minima consentita, ovvero che non abbiano raggiunto l’età riproduttiva, danneggia le specie alterando, inoltre, l’equilibrio dell’intero ecosistema.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»