Il Papa ai giovani thailandesi: “Non passate la vita seduti sul divano”

"Vivi la vita, costruisci la vita, fai, vai avanti! Vai sempre avanti nel cammino", ha esortato il Pontefice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Videomessaggio di Papa Francesco rivolto ai giovani thailandesi riuniti in una veglia di preghiera.

“So che stasera state facendo una veglia di preghiera, state pregando. E so che altri stanno camminando, che vengono qui. Belle queste due cose! Pregare e camminare!”, ha detto il Pontefice, in spagnolo.

“Nella vita – ha proseguito Francesco – bisogna fare queste due cose: avere il cuore aperto a Dio, perché da lui riceviamo la forza; e camminare, perché non si può stare fermi nella vita”.

“Un giovane non può andare in pensione a 20 anni! Deve camminare. Sempre oltre, sempre in salita”, ha ribadito il Papa: “Qualcuno di voi mi può dire: ‘Sì, Padre, ma a volte io sono debole e cado’. Non importa! C’è una canzone alpina che dice: ‘Nell’arte di salire, ciò che conta non è non cadere, ma non rimanere a terra’”. “Ti consiglio queste due cose”, il consiglio rivolto a ciascun giovane: “Non rimanere mai a terra, alzati subito, che qualcuno ti aiuti ad alzarti. Prima cosa. Seconda cosa: non passare la tua vita seduto sul divano! Vivi la vita, costruisci la vita, fai, vai avanti! Vai sempre avanti nel cammino. Impegnati. E avrai una felicità straordinaria, te lo assicuro”.

Fonte: agensir

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»