Oltre 2 milioni di diagnosi, 1 bambino su 4 ha difficoltà? “Riflettiamo”

Castelbianco, psicoterapeuta dell'età evolutiva: "E' emergenza educativa e scientifica"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

lorenzin_bianchiROMA – “Portiamo riflessioni e ci battiamo contro il settarismo. Nel mondo della scuola abbiamo 1.350.000 bambini con difficoltà, a questi si vogliono aggiungere 900mila bambini con un’ipotizzata malattia mentale. Sono oltre 2 milioni di diagnosi che riguardano 1 bambino su 4. Possiamo affermare che esiste un’emergenza nel mondo educativo ed un’emergenza tra gli esperti. Questi dovrebbero rivedere le loro riflessioni e le loro modalità diagnostiche relative alla salute mentale dei bambini”. ha aperto con questa riflessione Federico Bianchi di Castelbianco, psicoterapeuta dell’età evolutiva e direttore dell’Istituto di Ortofonologia (IdO), il XVII convegno nazionale a Roma.

Nel mondo della scuola “ci sono 300 mila dislessici, 400 mila minori con disturbi del linguaggio e 650 mila con difficoltà diverse. Stiamo parlando di 1.350.000 bambini con difficoltà su una popolazione di 8.000.000 di studenti. Questi 300 mila bambini dislessici sono dichiarati dislessici ad origine genetica, mentre poi si tratta soprattutto di bambini che vanno a scuola un anno prima (gli anticipatari). Dove stiamo andando?”.

“Il nostro convegno vuole collegare diagnosi e terapia facendo della diagnosi il primo momento terapeutico e della terapia una continua revisione del processo diagnostico. Dobbiamo riappropriarci di quelle conoscenze che per troppo tempo sono state oscurate- afferma Castelbianco- e che ora sono dimostrate clinicamente dalle neuroscienze. In questo evento portiamo le proposte che nascono dalle esperienze cliniche e le riflessioni che tengono conto dello sviluppo dei bambini, dell’ambiente, dei disagi, delle diagnosi e dei disturbi”.

ido_congressoBen prima del convegno dell’IdO “Pier Aldo Rovatti, un filosofo della scienza, ha scritto: ‘È beffarda la categoria di ‘rischio’ precoce e prevenzione’. Adesso nella popolazione 0-10 anni abbiamo un altro problema- sottolinea lo psicoterapeuta- c’è una diagnosi psichiatrica della malattia mentale nel 15% dei casi. Parliamo di due milioni di diagnosi- ripete Castelbianco-, dobbiamo quindi pensare che un bambino su 4 stia male? Rovatti aveva immaginato questa situazione- ricorda il direttore dell’IdO-, aveva immaginato l’abbassamento delle soglie patologiche, parlando anche dell’esercito dei nuovi malati”. Accanto a lui c’è un altro studioso, Allen Frances, noto psichiatra americano, che ha parlato “di diagnosi prescrittive e poco rigorose. Ascoltiamoli- consiglia il direttore dell’IdO- perchè come sottolinea Frances ‘una diagnosi mal fatta catapulta il paziente in un girone infernale di trattamenti dannosi’“.

tv_bambiniL’emergenza oggi, secondo Castelbianco, “è educativa. Ci troviamo di fronte al silenzio degli adulti. Gli adulti hanno rinunciato progressivamente ad educare. Ovviamente un bambino non educato mette in atto comportamenti inadeguati che sono poi considerati patologici. Stiamo arrivando così a circa 2 milioni di diagnosi di malattia mentale. E’ necessario separare i disturbi reali dai disagi determinati dalla società. Oggi non si fa più l’anamnesi– denuncia lo psicoterapeuta-, a questi bambini non si chiede nulla della loro storia, si fa solo la fotografia del qui ed ora. Questa è la diagnosi? Il silenzio assordante di noi ‘esperti’ di fronte a diagnosi e terapie superficiali– conclude- attribuisce e conferma al solo bambino la responsabilità della sua diagnosi”.

di Rachele Bombace, giornalista professionista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»