Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Renzi: “Ue scriverà lettera, ma la legge di bilancio c’è e non si cambia”

"Se l'Europa avrà le proprie considerazioni da fare, ascolteremo volentieri", dice Renzi. Rischio infrazioni? "E' un'analisi suggestiva", dice con ironia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

renzi2

ROMA – “Non ne abbiamo parlato. Potranno scrivere una lettera, come si fa in questi casi, con maggiori spiegazioni, ma la sostanza non cambia”. Cosi’ il presidente del consiglio Matteo Renzi a Rtl 102.5, a proposito del fatto che il consiglio europeo abbia affrontato il tema della legge di bilancio. “La manovra dà due miliardi in più sulla sanità, e questi non sono nè di destra nè di sinistra. La manovra– aggiunge Renzi- parla di questioni concrete e questo non cambierà per niente. Quante volte abbiamo parlato di Equitalia, non solo di Equitalia come struttura, ma della filosofia che c’era dietro: ecco questo dal 2017 finalmente sparisce. Insomma- aggiunge Renzi- la legge di bilancio c’è. Non si cambia. Se l’Europa avrà le proprie considerazioni da fare, come fa sempre, non solo nei confronti dell’Italia, ascolteremo volentieri, discuteremo, ma la vera questione oggi è dare un segnale ai cittadini, più che alle tecnocrazie di Bruxelles”.

RENZI: NON CAMBIA LA SOSTANZA, NON CHIESTA FLESSIBILITÀ

“Non cambia la sostanza della legge di bilancio”. Lo dice il premier Matteo Renzi nella conferenza stampa al termine del Consiglio Ue a Bruxelles precisando che “noi non abbiamo chiesto la flessibilità”. La flessibilità, continua Renzi, “viene concessa solo una volta e non per più anni consecutivi. Noi non abbiamo chiesto alcun tipo di flessibilità” sulla legge di bilancio “ma, ai sensi delle clausole eccezionali previste dai trattati, da un lato per il terremoto e dall’altro per l’immigrazione”. Tornando alla manovra finanziaria, il premier spiega: “La sostanza è che le misure della legge di stabilità non cambiano: non cambia la grande operazione su salute e sanità” e “per superare il modello vampiresco di Equitalia”.

RENZI: “RISCHIO INFRAZIONI UE? “ANALISI SUGGESTIVA”

Che l’Italia rischi un’infrazione Ue sulla legge di bilancio è “un’analisi suggestiva”. Lo dice con un velo di ironia il presidente del consiglio Matteo Renzi, in conferenza stampa al termine del consiglio Ue.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»