Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Studenti e Polizia di Stato cantano insieme il rientro in classe

Torneremo a scuola studenti e polizia
La canzone dal titolo 'Torneremo a scuola' racconta in musica le emozioni degli studenti che dopo i mesi difficili della pandemia ripopolano le aule rimaste a lungo vuote a causa del Covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Arrangiata dal vice maestro Roberto Granata, interpretata dalla banda musicale della Polizia di Stato e cantata dai bambini del coro della scuola ‘Maria Chierichini’ di Amelia con la partecipazione di Red Canzian, la canzone dal titolo ‘Torneremo a scuola’ racconta in musica le emozioni degli studenti che dopo i mesi difficili della pandemia ripopolano le aule rimaste a lungo vuote a causa del Covid.

La canzone, accompagnata da un video le cui riprese sono state effettuate a Roma nella scuola intitolata a ‘Giovanni Palatucci’ – uno degli eroi della Polizia di Stato – del quartiere San Basilio, è già intonata da tanti alunni delle scuole primarie e si appresta a diventare l’inno degli studenti d’Italia.

Nell’anno scolastico appena iniziato, per gli alunni il suono della campanella è stato così accompagnato dalle note del motivo musicale nato da un’idea della Polizia di Stato per festeggiare insieme ai più piccoli il rientro in classe attraverso il linguaggio universale della musica. Una fra le molteplici iniziative di prossimità che la Polizia di Stato svolge per trasmettere i valori della cultura della legalità, adottando di volta in volta codici di comunicazione diversi, per intercettare il più ampio numero di bambini ed adolescenti.

In questa prospettiva nasce per i piccoli ‘Il mio diario’, l’agenda scolastica destinata agli alunni delle scuole primarie, giunta all’ottava edizione, mentre ai ragazzi più grandi sono destinate, tra le altre iniziative, ‘Una vita da social’, ‘Il pullman azzurro’ e ‘Train to be cool’.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»