Regionali, la Toscana resta rossa: vince Giani ma è flop per Italia Viva

Le proiezioni consolidano il vantaggio del candidato dem sulla sfidante
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Netta ascesa nella prima proiezione di Tecne’ del candidato del centrosinistra, Eugenio Giani, in Toscana. Il candidato governatore del Partito democratico con il 2% del campione e’ al 48,5% contro il 39,8% di Susanna Ceccardi per il centrodestra. Segue a notevole distanza Irene Galletti del M5S col 6,1%.

II PROIEZIONE SWG: IN TOSCANA GIANI 47% CECCARDI 40

Cresce anche nella seconda proiezione di Swg il consenso di Eugenio Giani. Secondo i dati stimati dall’istituto demoscopico per La 7 il candidato del centrosinistra avrebbe raccolto alle Regionali in Toscana il 47,2% contro il 40,8% di Susanna Ceccardi (centrodestra), il 7,1% di Irene Galletti (M5S), e il 2,3% di Tommaso Fattori (Toscana a sinistra).

CECCARDI MANDA MESSAGGIO A GIANI: BUON LAVORO

Susanna Ceccardi rende l’onore delle armi a Eugenio Giani. Poco fa e’ scattato il classico messaggio con cui la candidata del centrodestra si e’ congratulata per il risultato con quello che, quando manca ancora l’ufficialita’, e’ il nuovo governatore della Toscana, Eugenio Giani. All’esponente del centrosinistra l’europarlamentare ha augurato buon lavoro, come si apprende dallo staff dell’ex sindaca di Cascina al comitato elettorale allestito a Firenze.

PROIEZIONE OPINIO: PD TOSCANA 34%, FLOP ITALIA VIVA

Il Partito democratico si conferma la prima forza in Toscana. Alle elezioni regionali, secondo una proiezione sul voto di lista di Opinio per la Rai, il Pd raggiunge il 34,4% contro il 22,6% della Lega, il 13% di Fratelli d’Italia, il 7,3% del M5S. Molto al di sotto delle attese con appena il 3,7% Italia viva. Seguono Sinistra civica ecologista (3,4%), Toscana a sinistra (2,5%), Orgoglio Toscana (2,5%), Europa Verde (1,9%), Toscana civica (1,2%).

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»