Governo, Tajani: “Il loro obiettivo è occupare la poltrona del presidente della Repubblica”

L'europarlamentare di Forza Italia esclude qualunque possibilità di accordo con il nuovo governo. E di Renzi dice: "Il suo 'stai sereno' a Conte sembra quello che disse a Letta"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Conte rappresenta un governo nato per impedire agli italiani di andare alle elezioni. Ci sono 500 e una poltrona che interessano a Leu, Pd, Cinque Stelle e la ‘cosa’ di Renzi. Cinquecento poltrone che riguardano incarichi importanti nell’organizzazione della macchina produttiva e di potere del paese, la ‘una’ poltrona in più è quella del Capo dello Stato che però non dovrebbe mai fare parte di giochi di potere”. Lo ha detto l’europarlamentare di Forza Italia, Antonio Tajani, parlando alla festa di Fdi Atreju.

Il premier Conte alla festa di FdI: “Lega isolata in Europa”. Il pubblico grida ‘Elezioni’

“L’obiettivo che si sono dati è durare per occupare quella poltrona che rappresenta l’unità dello Stato: il capo dello Stato deve essere al di sopra delle faide, deve essere il garante dell’interesse di 60 milioni di cittadini- ha aggiunto Tajani-. Per questo sono preoccupato della strategia di questo governo”.

“NESSUNA IPOTESI DI COMPROMESSO CON RENZI E GIALLOVERDI”

“Non c’è nessuna ipotesi di compromesso con Renzi, Conte, M5S e Leu: noi siamo alternativi alla sinistra. Noi siamo di centrodestra e c’è un limite invalicabile oltre il quale non si può andare, non siamo intenzionati ad andare fuori dal centrodestra” afferma Tajani alla festa di Fdi Atreju.

“Non si possono sottoscrivere accordi politici con chi è stato segretario del Pd, non ha rispettato patti istituzionali, con chi ha perso il referendum- ha aggiunto- Renzi non ha nulla a che vedere con noi. Se vuole fare la sinistra socialdemocratica la faccia ma è l’altra metà della mela”.

Sempre a proposito di Renzi, Tajani spiega che il suo ‘stai sereno’ a Conte gli ricorda quello che disse a Letta: “Non vorrei che Renzi a conte facesse fare la stessa fine di Letta al momento opportuno”.

“NON ABOLIREI TUTTO CIÒ CHE È PROPORZIONALE”

“L’attuale sistema elettorale è pieno di difetti ma c’è un forte elemento di maggioritario una parte di proporzionale, io non rinuncerei totalmente a una parte di proporzionale per dare la possibilità, anche nel centrodestra, a tutte le forze di essere equamente rappresentate”, aggiunge ancora Tajani.

“Secondo noi questa a legge può essere migliorata ma non è giusto abolire tutto ciò che è proporzionale- ha aggiunto Tajani- perché in una coalizione non tutte le sensibilità sono uguali e se vogliamo avere più consensi in questo modo noi di centrodestra possiamo ottenerli”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»