Il colloquio di lavoro? Ecco quali sono i colori giusti

I colori possono aiutare a migliorare l’immagine di sé e della propria autostima, ma trasmettono anche emozioni. Ecco alcuni semplici 'regole'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Esistono piccole ma importanti regole che bisogna sapere in merito ai colori e come possono essere utili per fronteggiare al meglio un colloquio di lavoro:

1. Il colore stimola tutti i sensi quali vista, olfatto, gusto e tatto evocando piacere o repulsione e rifiuto quindi la scelta degli abbinamenti cromatici è fondamentale.

2. In linea generale gli abbinamenti di colori caldi (rosso, giallo, arancione vengono spesso associati al colore caldo del sole e del fuoco) trasmettono un messaggio più carico di energia, dinamico ed estroverso. Al contrario gli abbinamenti di colori freddi (blu, verde e viola sono associati psicologicamente al mare, cielo e distese verdi) trasmettono tranquillità, distanza e calma.

3. Il colore può enfatizzare caratteristiche fisiche o fornire una mimetizzazione quando necessario e comunque atti a migliorare l’immagine di sé e della propria autostima. Non occorre necessariamente vestirsi di nero e grigio per un colloquio di lavoro ma si può giocare con astuzia con i colori tenendo presente che nel mondo del lavoro gli undertone (il colore sottostante ad un altro colore es: rosso nel viola-rossastro o blu nel grigio-blu) possono giocare un ruolo a proprio favore perché sono tonalità di grande significato e di effetto psicologico sull’interlocutore.

Ecco alcuni suggerimenti:

ROSSO – Scegliete il rosso nelle varianti di sfumature scure come wine, burgundy e maroon se vuoi comunicare eleganza, profondità e compostezza altrimenti punta sui rosa tenui quali polvere e cenere più adeguati a comunicare la tua preparazione culturale nonché raffinatezza.

BLU – Scegliete il blu e le sue innumerevoli varianti se vuoi comunicare tranquillità, affidabilità e serietà. I blu notte più scuri sono più cerebrali e riflessivi come il famoso navy blue tendente al nero a cui aggiungere tocchi di undertone blu-violetto (detto anche periwinkle) per stemperare la serietà dei toni indossati.

BIANCO E NERO – Scegliete i colori di antitesi come bianco e nero per esprimere decisione e chiarezza. Non a caso spesso diciamo “scritto nero su bianco” per affermare che ciò che è scritto non si cambia.

BEIGE – Scegliete il classico ed elegante beige Chanel da poter abbinare a colori più decisi. La neutralità di questo colore contribuisce a smorzare i contrasti. Gli undertone del beige possono donare un effetto rosato o dorato che potrebbe sposarsi con la propria carnagione o creare un piacevole contrasto.

GRIGIO – Scegliete il grigio solamente se lo si vuole abbinare a diversi undertone che stemperino la serietà – per natura – di questo colore. Essere giovani significa poter vivere la propria età con spensieratezza per cui non bisogna avere timore di abbinare questo colore simbolo di ponderatezza e “mediazione” tra nero e bianco con colori più adatti alla giovane età.

MARRONE – Scegliete il marrone se volete comunicare autenticità e solidità. Questo colore di terra in tutte le sue varianti come daino, felce, cammello o biscotto, terra di Siena trova la sua massima espressione negli accessori quali scarpe, cinture e borse di pelle e di cuoio. Quando si indossano uno o più colori occorre domandarsi sempre in che ambiente si sta andando a fare il colloquio. Se si decide di indossare due colori, uno dei due deve essere dominante mentre per abbinare tre o più colori bisognerà ancora una volta porre attenzione a quello dominante a cui gli altri dovranno fare da cornice.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

21 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»