VIDEO | Odonga (Dagoretti Film Center): “Negli slum keniani cronisti crescono”

Jackson Odiaga Odonga, direttore del Dagoretti Film Center, in collegamento video da Nairobi, parla con l'agenzia Dire dei giovani degli slum e di un nuovo giornalismo civile e partecipativo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print
ROMA – “Alla fine i piu’ bravi a raccontare l’Africa sono i ragazzi africani” sorride Jackson Odiaga Odonga, direttore del Dagoretti Film Center. Con l’agenzia Dire, in collegamento video da Nairobi, parla dei giovani degli slum e di un nuovo giornalismo civile e partecipativo. L’intervista si tiene dopo la prima italiana di ‘Mashaa’, un cortometraggio realizzato dai giovani del Dagoretti, scuola di sceneggiatura e tecniche video nata nel 2000 nella capitale keniana e cresciuta negli anni anche con collaborazioni italiane. Il suo obiettivo e’ favorire inserimenti lavorativi nel mercato audiovisuale e cinematografico. ‘Mashaa’, diretto dal videomaker Peter Gitau, e’ stato presentato questa settimana al Giffoni Film Festival e trasmesso dal canale Iris. È il racconto di un ragazzo dello slum di Dagoretti, che con un cellulare chiesto in prestito racconta come nessun altro la vita nel quartiere, vincendo la timidezza e filmando momenti imprevisti e rivelatori, fino a conquistare la tv nazionale. Con ‘Mashaa’ diciamo al mondo che gli africani sono responsabili di loro stessi” sottolinea Odonga. “Ci sono tanti giovani che hanno esperienza, vivono qui e sanno raccontare la realta’ senza esagerare, cadere in stereotipi o dare notizie non corrette”. Secondo il direttore, il mondo del cinema puo’ incontrare quello del giornalismo. “Al Dagoretti abbracciamo prospettive differenti puntando pero’ sempre sulle opportunita’” dice Odonga: “I ragazzi devono poter parlare di loro stessi e della loro comunita’, magari contribuendo a trovare soluzioni con un racconto giornalistico efficace e rispettoso”. ‘Mashaa’ e’ nato da una collaborazione tra Amref Health Africa, una ong impegnata nel settore sanitario, Fondazione Aurora, che affianca i giovani del continente in iniziative di imprenditorialita’ sociale, e Mediafriends, onlus attiva anche in progetti di assistenza e cooperazione internazionale.
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»