VIDEO | Militari del Kfor consegnano lavagne multimediali a bambini e ragazzi in Kosovo

Il progetto, finanziato dalla Nato, faciliterà l'accesso all'insegnamento a distanza per 2000 studenti delle classi elementari e medie
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Militari del Kfor Regional Command West, il Comando Nato per la regione occidentale del Kosovo a guida italiana, hanno consegnato sei lavagne interattive multimediali e altrettanti video proiettori e computer alle scuole di Strpce, localita’ a sud della regione, nella quale convivono quattro diverse etnie. Cosi’ in un comunicato stampa.

Il progetto, finanziato dalla Nato e portato a termine dal team di cooperazione civile-militare dell’Esercito Italiano, facilitera’ l’accesso all’insegnamento a distanza per 2000 studenti delle classi elementari e medie, consentendo di superare alcune limitazioni imposte dal Covid19 oltre a migliorare gli standard qualitativi dell’offerta formativa. L’inaugurazione di una delle lavagne multimediali e’ avvenuta presso la scuola “Staja Markovic” di Strpce, in presenza di numerosi allievi – che hanno subito familiarizzato con i nuovi dispositivi – e dei direttori dei sei istituti, i quali hanno ringraziato per la donazione il colonnello Gianluca Figus, a capo del Comando multinazionale di stanza a Pec, attualmente costituito dal 5^ Reggimento artiglieria terrestre ‘Superga’ di Portogruaro, intervenuto in rappresentanza del Generale Michele Risi, comandante della missione Kfor.

La missione della Nato sostiene in modo imparziale le istituzioni impegnate nel campo della formazione dei giovani che promuovono la coesistenza delle diverse etnie che vivono in Kosovo. Il team di cooperazione civile-militare italiano elabora progetti di assistenza in favore di tutte le comunita’, i quali si inseriscono nel quadro del contributo alla sicurezza e alla liberta’ di movimento fornito da Kfor in base al mandato della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza Onu.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»