Terremoto, Di Berardino: “Approvate tre ordinanze per accelerare la ricostruzione”

A favore dei territori colpiti dal terremoto nel 2016 dalla Cabina di coordinamento sul sisma tenuta dal Commissario di Governo con le Regioni Lazio, Abruzzo, Molise e Umbria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Approvate tre nuove ordinanze a favore dei territori colpiti dal terremoto nel 2016 dalla Cabina di coordinamento sul sisma tenuta dal Commissario di Governo con le Regioni Lazio, Abruzzo, Molise e Umbria. Con questi provvedimenti diamo un’accelerazione al processo di ricostruzione e un ulteriore semplificazione delle procedure e dell’organizzazione degli uffici”. Così in una nota l’assessore alle Politiche per la ricostruzione, Claudio Di Berardino

“La prima ordinanza – spiega l’assessore – è relativa alla semplificazione delle procedure per la ricostruzione degli edifici di culto rendendole di fatto assimilabili alle procedure della ricostruzione privata sia per quanto riguarda la fase della progettazione che per quanto attiene quella dell’affidamento dei lavori. La seconda ordinanza fornisce indicazioni circa i contenuti dei Programmi Straordinari di Ricostruzione mediante apposite Linee Guida e chiarisce alcune disposizioni di natura di edilizia urbanistica. La terza apporta delle modifiche sull’organizzazione della struttura centrale del Commissario Straordinario del Governo, definendo i compiti della Direzione Generale e dei dirigenti”. 

“Per quanto riguarda in dettaglio il lavoro degli uffici regionali, la seconda ordinanza incide direttamente sulle attività dell’ufficio Speciale Ricostruzione regionale. Nel Lazio, anticipando le altre regioni, – conclude Di Berardino – abbiamo già redatto e trasmesso al Commissario il Programma Straordinario della Ricostruzione del comune di Accumoli, uno dei più danneggiati dal terremoto del 2016″.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»