Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Si è rotta l’ultima ‘zona di ghiaccio’ dell’Artico

L'ultima zona dell'Artico finora risparmiata dal riscaldamento globale ha iniziato a rompersi.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’ultima zona dell’Artico finora risparmiata dal riscaldamento globale ha iniziato a rompersi.

La notizia è stata diffusa in mattinata dal quotidiano britannico ‘The Guardian’, e ripresa dall’ong Greenpeace, che sul suo profilo Twitter la definisce ‘preoccupante’.

Secondo la ricostruzione del quotidiano britannico, il ghiaccio marino più vecchio e più denso dell’Artico ha iniziato a frammentarsi per la prima volta questo mese. In due momenti distinti, due fratture si sono aperte nel ghiaccio a causa di venti caldi e dell’ondata di calore prodottasi quest’anno nell’emisfero settentrionale a causa del riscaldamento globale.

“Quest’area è stata chiamata spesso ‘l’ultima zona di ghiaccio’, perché si pensava che gli ultimi ghiacci marini perenni dell’Artico si trovassero qui. Gli eventi di questo agosto suggeriscono che in effetti l’ultima zona di ghiaccio potrebbe essere molto più ad ovest” ha dichiarato al ‘Guardian’ Ruth Mottram del Danish Meteorological Institute.

Diverse ricerche scientifiche prevedono che l’Artico potrebbe ritrovarsi completamente privo di ghiaccio marino estivo tra il 2030 e il 2050.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»