Il 28 agosto scade il bando ‘Settembre, Regione Lazio… un mare di opportunità’

Arsial e RomaNatura sono promotori e organizzatori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ancora pochi giorni prima della scadenza dell’avviso pubblico presentato da Arsial e RomaNatura, rivolto a cooperative di pescatori locali e ad aziende agroalimentari del Lazio. Il 28 agosto sarà infatti l’ultimo giorno in cui gli interessati potranno presentare la loro candidatura per la partecipazione a titolo gratuito alla manifestazione ‘Settembre, Regione Lazio… un mare di opportunità’ di cui Arsial e RomaNatura sono promotori e organizzatori.

L’evento si terrà nei week-end del 9 e 10 e del 16 e 17 settembre, presso la Casa del mare di Ostia.

Tante le iniziative in calendario, nella cornice delle Secche di Tor Paterno, rivolte a ‘farmer’s market’, e appunto a cooperative di pescatori locali e imprese agroalimentari laziali di eccellenza. Poi si proseguirà con la seconda edizione di ‘Terra del futuro’ nelle giornate del 30 settembre e dell’1 ottobre, che quest’anno si svolgerà ai Fori Imperiali, due giorni promossi in collaborazione con l’assessorato all’Ambiente della Regione Lazio, in occasione del ventennale della legge regionale sui parchi 29/97, interamente dedicati alle riserve laziali con i prodotti tipici dei parchi, qualità e tradizione delle eccellenze enogastronomiche laziali a sostegno delle imprese agricole a filiera corta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»