Rio 2016. L’Italia non ce la fa, oro del volley al Brasile

L'oro olimpico si conferma la bestia nera della nazionale maschile di volley
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

brasile volley

ROMA  – L’oro olimpico si conferma tabù per la nazionale maschile di volley. Gli uomini di ct Blengini non ce la fanno a superare il Brasile, è argento per noi. Ci arrendiamo 3 a 0.

PRIMO SET

Le due squadre si studiano. Partono con cautela. Sbaglia l’una, sbaglia l’altra. Si inseguono. Fino al punto del black out azzurro: il Brasile arriva a quindici, noi ci spegniamo. Recuperiamo qualcosa, ma non basta, e arriviamo a chiudere il set 25 a 22.

SECONDO SET

Va male. Finisce 28-26 per il Brasile. L’Italia parte in vantaggio, poi si fa recuperare. Non riesce ad andarsene. Sul 21-21 c’è uno snodo decisivo: il muro brasiliano probabilmente tocca una schiacciata di Zaytsev, l’Italia ci crede, ma il challenge, implacabile, ci nega il punto. Riusciamo a giocare due set points, ma li perdiamo entrambi.

TERZO SET

L’Italia tira fuori le unghie, ma solo a sprazzi, così come è stato per tutta la partita. Una contestata decisione arbitrale su muro di Juantorena cambia, in peggio, le sorti del match: il Brasile invade, tocca le mani di Osmany, ma l’arbitro, dopo il challenge (la prova video), assegna il punto al Brasile.  L’Italia riesce a portare gli avversari oltre i 25 punti, ma il calcolo si impenna nel lato verdeoro del tabellone: 26 a 24 per loro.

LEGGI ANCHE

Rio 2016, l’Italia innamorata della pallavolo aspetta la finale

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»