Boccia: “Dalla legge di stabilità ci aspettiamo scelte selettive”

"Non abbiamo tante risorse e con poco dobbiamo fare tanto", dice il presidente di Confindustria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

meeting_riminiROMA  – “Ci aspettiamo delle scelte selettive perché con questo debito pubblico è evidente che non abbiamo grandi margini di manovra. Non abbiamo tante risorse e con poco dobbiamo fare tanto” evitando il rischio “di un assalto alla diligenza”. Dunque, “devo sentirmi corresponsabile e devo trovare elementi selettivi”. Lo dice il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, a proposito della legge di stabilità intervenendo al meeting di Cl a Rimini. (Foto archivio)

“La produttivita’ e’ una delle grandi questioni del paese”, sottolinea.

“DARE DELLE PRIORITA’: SERVE POLITICA, NON ANTIPOLITICA”

“Ansietà e assuefazione sono i grandi problemi che il paese ha. Da una parte il rischio dell’incertezza, dall’altro che lo facciamo a fare tanto nulla cambiera”. E cosi’ “l’assuefazione entra nella testa delle persone. E in quel momento il declino e’ alle porte”.

Occorre “distinguere le cose importanti e a dare delle priorita’. In questo paese serve politica non antipolitica, servono delle scelte”.

“Un’idea di capitalismo moderno e’ determinate per una societa’ che include, per una societa’  aperta. In cui il profitto e’ uno strumento e non un fine“, altrimenti, “la mafia sarebbe un valore”.

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»