Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Di Battista e il ‘vaffa’ al Pd: “Distrugge i diritti col pugno chiuso”

Continua il Coast to coast del membro del direttorio grillino per propagandare il 'no' al referendum sulla Costituzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

termoli_di battista_coast_to_coastROMA  –  “Io una volta l’ho votato il Pd. Poi li ho visti in faccia. Ho visto quello che hanno fatto. Nessuno, neanche Berlusconi, ha distrutto i diritti del lavoro, i diritti degli insegnanti, i diritti degli studenti con la ‘buona scuola’, dell’ambiente con lo ‘sblocca Italia’”… Nessun partito, nella storia della repubblica italiana, ha distrutto i diritti sociali come il Pd, neanche Berlusconi si era sognato di fare cosi’. Mentre a Renzi e a questi che si professano de’ sinistra e’ tutto piu’ semplice perche’ distruggono i diritti pero’ lo fanno alzando il pugno chiuso o chiamandosi tra di loro compagni. E’ l’emblema dell’ipocrisia e devono andare affanculo. Scusate se ho detto la parola Pd”. Lo ha detto Alessandro Di Battista, deputato M5s, nel comizio di ieri sera a Termoli. Al termine dell’intervento di Di Battista ha preso la parola il leader 5 stelle Beppe Grillo, che ha subito ironizzato sul ‘vaffa’: “Ma eri un ragazzo cosi’ calmo…, ma da chi hai preso? Hai detto quel vaffanculo…“.

LEGGI ANCHE

Referendum, Di Battista parte per la campagna ‘on the road’ per il no. E attacca: “Parlamentari, troppe ferie”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»