hamburger menu

“Questa casa è della camorra”: marito e moglie minacciano una donna con una mazza da baseball

I coniugi indagati hanno costretto la vittima a rinunciare all'appartamento, un bene confiscato alla criminalità organizzata

21-07-2022 13:34
carabinieri
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

NAPOLI – Questa mattina i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza applicativa della misura cautelare del divieto di dimora nel capoluogo partenopeo e dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria emessa dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Napoli, su richiesta della locale procura, nei confronti di due persone. Gli indagati, marito e moglie, sono ritenuti gravemente indiziati del reato di violenza privata aggravata dal metodo mafioso.

Le indagini, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia, hanno permesso di accertare che una donna, dopo aver ricevuto in assegnazione dal Comune di Napoli un alloggio nel quartiere di Fuorigrotta, confiscato alla camorra, era stata minacciata più volte dai due indagati affinché non lo occupasse perché si trattava di un “bene appartenente alla camorra”.

La donna, che in un episodio è stata anche intimidita con l’uso di una mazza da baseball, era stata costretta quindi a rinunciare all’alloggio accettandone un altro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-21T13:34:21+02:00