hamburger menu

Abusivismo finanziario, la Consob oscura cinque siti internet abusivi

Sale a 741 il numero dei siti complessivamente oscurati da luglio 2019

consob
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Consob ha ordinato l’oscuramento di 5 nuovi siti web che offrono abusivamente servizi finanziari/prodotti finanziari: 4 siti di intermediazione finanziaria abusiva e 1 sito mediante il quale viene svolta un’offerta di prodotti finanziari in mancanza di prospetto informativo. Sale, così, a 741 il numero dei siti complessivamente oscurati dalla Consob a partire da luglio 2019, da quando l’Autorità è stata dotata del potere di ordinare l’oscuramento dei siti web degli intermediari finanziari abusivi. Sono in corso le attività di oscuramento dei siti da parte dei fornitori di connettività a internet che operano sul territorio italiano. Per motivi tecnici l’oscuramento effettivo potrà richiedere alcuni giorni.

L’Autorità si è avvalsa dei poteri derivanti dal decreto Crescita (legge n. 58 del 28 giugno 2019, articolo 36, comma 2-terdecies), relativamente all’oscuramento dei siti degli intermediari finanziari abusivi, nonché del potere introdotto dalla legge n. 8 del 28 febbraio 2020, articolo 4, comma 3-bis, riguardo all’oscuramento dei siti mediante i quali è posta in essere l’offerta abusiva.

I SITI OSCURATI

Di seguito i siti per i quali la Consob ha disposto l’oscuramento:

‘Alphapro FX‘ (sito https://alphaprofx.co.uk e relativa pagina https://client.alphaprofx.co.uk); Eurofxsecurities Limited (sito https://eurofxsecurities.com e relativa pagina http://client.eurofxsecurities.com);
The Active Traders Ltd (sito https://theactivetraders.com e relativa pagina https://client.theactivetraders.com);
Promarketing Ltd (sito https://green-capitalz.com e relativa pagina https://platform.greencapitalz-trade.com);
Enercom AG (sito www.enercom.ag e relative pagine https://kyc.enercom.ag e https://sales.enercomg.ag)

I provvedimenti adottati dalla Consob sono consultabili sul sito www.consob.it.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-21T14:11:21+02:00