hamburger menu

Pd-M5S, addio campo largo. Letta: “Scenario cambiato, ora pensiamo a noi”

Il segretario parla ai gruppi del Pd: "Non sanno quello che hanno fatto, presto vedremo i danni e aggiustare ciò che è successo ieri sarà molto difficile"

Pubblicato:21-07-2022 10:34
Ultimo aggiornamento:21-07-2022 14:08
Canale: Politica
Autore:
enrico_letta_giuseppe_conte
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Il segretario Enrico Letta parlando ai gruppi del Pd sancisce il divorzio dal Movimento 5 Stelle.
Senza citarli, il leader del Partito democratico prende atto che “da ieri lo scenario è totalmente modificato” e i dem “devono concentrarsi su quello che siamo noi, a partire da quello che siamo noi“.

LEGGI ANCHE: Conte: “Siamo stati messi alla porta, da Draghi atteggiamento sprezzante”

Letta aggiunge: “Concentrarci su noi stessi vuol dire non perdere di vista lo scenario complessivo, faremo bene se faremo bene noi. Non fermiamoci a pensare a quello che faranno gli altri. Anche perché gli altri quello che dovevano fare lo hanno fatto ieri“. Per il leader del Pd, “ieri è stato un cambio totale di paradigma, di scenario, e aggiustare quello che hanno fatto ieri sarà molto difficile“.

LEGGI ANCHE: DIRETTA | Draghi conferma le dimissioni a Mattarella. Il Governo resta in carica solo per gli affari correnti

Il segretario dem allarga il ragionamento al centrodestra, ma poi cita espressamente anche il M5S. “Loro non sanno quello che hanno fatto, chi ha combinato quello che ha combinato, non sa quel che ha fatto. Noi e i cittadini italiani ci renderemo conto presto di quali saranno i danni – è il monito – Ci sono stati errori enormi che hanno fatto tutti loro. Io non faccio classifiche. Le responsabilità sono di tutti“, rimarca Letta, mentre i gruppi parlamentari del Pd accolgono con un lungo applauso questo passaggio.

LEGGI ANCHE: Di Maio: “Il mio M5S non sfasciava i governi. L’agenda Draghi va portata avanti”

LETTA IN SEGRETERIA: “ABBIAMO RAGIONE, ORA OCCHI DI TIGRE”

“Noi siamo stati dalla parte giusta della storia: alle prossime elezioni le decisioni prese ieri peseranno molto e gli italiani dovranno scegliere in base a quelle. La campagna elettorale non sarà altro che quello che è accaduto ieri”. Così il segretario Enrico Letta, parlando alla segreteria del Pd.

Abbiamo fatto le scelte giuste, in sintonia con la stragrande maggioranza del Paese – rimarca il leader dem -. Questa sintonia la ritroveremo nelle urne. Ieri, invece, ci sono stati partiti che hanno fatto scelte di puro potere, che alla fine saranno rigettate dagli elettori”. “Voglio vedere in ognuno di noi gli occhi di tigre: siamo consapevoli di essere dalla parte della ragione”, aggiunge Letta.

LEGGI ANCHE: In Europa “preoccupazione” dopo le dimissioni di Draghi. Gentiloni: “Balletto degli irresponsabili”

“DECIDEREMO INSIEME I COMPAGNI DI STRADA PER IL VOTO”

In merito alle alleanze per le prossime elezioni politiche, Letta spiega in segreteria: “Discuteremo e decideremo della conformazione della nostra proposta, sul nostro progetto e programma, sulle modalità con cui affronteremo il voto, partendo dal fatto che abbiamo questa legge elettorale. Compagni di strada e modalità con cui questo avverrà verrà deciso insieme, collegialmente. È evidente che il voto di ieri impatta molto fortemente“.

“FI E LEGA HANNO TRADITO I LORO ELETTORI”

“Nulla di quello che è successo ieri può essere ascrivibile ai vecchi schemi – osserva Letta tornando sul voto di fiducia in Senato a cui si sono sottratti Lega, Forza Italia e M5S -. Penso agli imprenditori del Nord che in questi anni hanno dato fiducia alla Lega, alle imprese e i commercianti che lo avevano fatto con Forza Italia e che oggi si trovano traditi e devono scegliere tra le forza del programma Draghi e il salto nel buio che Lega e Fi gli hanno proposto ieri. Questi partiti li hanno traditi”.

SUBITO UNA CAMPAGNA PER DIRE LA VERITÀ AGLI ITALIANI”

“Stiamo portando avanti un lavoro per mettere in campo nelle prossime ore una campagna di comunicazione che serva a ricordare agli italiani chi ha fatto cadere il governo Draghi – annuncia Letta in segreteria – Riprenderemo l’agenda sociale, portandone avanti alcuni concetti. Serve il massimo di vocalità per raccontare la nostra narrazione, dire come sono andate le cose, dire chi è colpevole di quanto successo. Va detto senza infingimento e senza cercare di lenire nulla. Dobbiamo trasformare gli appuntamenti delle feste nel primo tempo della campagna elettorale. Sarà il primo messaggio che daremo agli italiani”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-21T14:08:58+01:00

Ti potrebbe interessare: