hamburger menu

Google Analytics e trasferimento dei dati extra Ue: su Digeat+ disponibili due nuovi approfondimenti

Al workshop 'Come gestire le problematiche legate a Google Analytics. Microsoft 365, Fanpage di Facebook & servizi simili' partecipano gli avvocati Andrea Lisi e Sarah Ungaro. Nel talk 'Divieto di trasferimento dei dati all’estero: una riflessione sull’astrattismo della giurisprudenza europea' lo stesso Lisi si confronta con il presidente dell'Iip Luca Bolognini

21-07-2022 08:56
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Due approfondimenti sui temi al centro della protezione dei dati e della sicurezza informatica arricchiscono il palinsesto di Digeat+ (https://www.digeat.it/). 

Si tratta del workshop ‘Come gestire le problematiche legate a Google Analytics. Microsoft 365, Fanpage di Facebook & servizi simili’ e del talk ‘Divieto di trasferimento dei dati all’estero: una riflessione sull’astrattismo della giurisprudenza europea‘, ora disponibili on demand sulla piattaforma multimediale. Al primo partecipano gli Avv.ti Andrea Lisi e Sarah Ungaro, per offrire possibili ‘vie di uscita’ ad aziende private e Pa dall’impasse creatosi dopo che il Garante ha dichiarato illegittimo il trasferimento dei dati personali degli utenti verso gli Usa, in assenza di garanzie adeguate.

“Le conseguenze di questa decisione non riguardano solo Google Analytics – spiega Lisi – il problema è che se la situazione non viene risolta a livello politico e normativo, tutti i servizi di Google e non solo, rischiano di essere illegittimi. Se così fosse, rischiamo di avere un web completamente diverso da come l’abbiamo inteso fino ad ora, con conseguenze immense per tutto il sistema”.  E affronta anche anche la questione di diritto portata avanti dall’attivista digitale Federico Leva, che ha forzato l’applicazione della legge chiedendo a un numero sterminato di siti web, attraverso un bot, di rimuovere tutti i suoi dati in loro possesso.    

Il secondo contenuto è un confronto fra lo stesso Avv. Andrea Lisi e l’Avvocato e presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati (Iip) Luca Bolognini. Per quest’ultimo, la decisione dell’Autorità garante seguita alla denuncia degli attivisti ci mette davanti “a un problema più grande di noi perché sono questioni di rilievo geopolitico che richiederebbero per risolversi delle modifiche legislative e non stiamo parlando solo del rapporto Ue-Usa, ma di tutto il resto del mondo”. Bolognini spiega il lavoro che si sta facendo per l’e-evidence Act, “che sarà il Cloud Act europeo, attraverso il quale noi europei cercheremo di ottenere i dati extra-UE dai server esteri”.   

Secondo Lisi  “stiamo dando per scontato l’applicazione della normativa Usa in Europa. Si sta dicendo che se anche i server sono in Europa e io utilizzo Microsoft, poiché la sua sede principale è extra Ue, quel tipo di servizio è vietato, dal momento che le rispettive normative sulla protezione dei dati personali non sono allineate dando pure per scontato che un provvedimento nazionale abbia efficacia diretta oltreoceano”. 

Entrambi I talk sono disponibili gratuitamente su piattaforma DIGEAT + https://www.digeat.it/

Per accedere è sufficiente loggarsi o registrarsi in pochi, semplici passaggi.

Il prossimo appuntamento su DIGEAT +  ci attende in autunno con la web conference ‘Energy e Multiutility’ in programma il prossimo 21 settembre.

Si ringrazia anche lo Sponsor del percorso annuale del DIGEAT, Dgroove.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-21T08:56:03+02:00