Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Parabiago, gemellaggio digitale con Colonia e si parte per Valdobbiadene

Let's MEET again PARABIAGO
La primaria di via Brescia tra i 20 finalisti del Festival dell'Innovazione Scolastica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – Imparare la geografia, la storia e l’informatica ma anche conoscere l’Europa, incontrare nuove persone e visitare luoghi mai visti. Il tutto con fantasia e voglia di innovare. Si può riassumere così ‘Let’s MEET again!’, il progetto di gemellaggio digitale tra la classe 4B della scuola primaria di via Brescia a Parabiago (Milano) e i coetanei della GGS Westerwalstrasse di Colonia. Chiaro il gioco di parole col nome della nota piattaforma di videoconferenze, grazie a questo progetto l’istituto della provincia di Milano è stato selezionato tra i 20 istituti finalisti del Festival dell’Innovazione Scolastica che si celebrerà i prossimi 4-5 settembre a Valdobbiadene, tra le vigne del prosecco superiore trevigiano.

Una due giorni, quella veneta, durante cui “la convivialità sarà scambio, ci incontreremo e condivideremo le nostre esperienze” commenta alla Dire la dirigente di Parabiago Monica Fugaro. Già docente di inglese, con una logica attenzione per l’internazionalizzazione della scuola, è stata lei ad avere l’idea del gemellaggio digitale e lei a contattare la scuola tedesca, racconta alla Dire. “E noi non ci siamo fatti sfuggire l’occasione! Così, dal 18 maggio, abbiamo incontrato i nostri ‘amici di MEET’ due volte” spiegano dalla scuola di via Brescia.

I coetanei tedeschi studiano l’italiano come seconda lingua sin dal primo anno, quindi, tra una chiamata e l’altra in cui i giovani di Parabiago hanno fatto da “formatori alla pari”, italiani e tedeschi si scambiavano disegni, mappe, libri digitali, video sull’Italia e sulla Germania, per scoprirne differenze e somiglianze storiche, paesaggistiche, culturali. Accade perciò che, nello svolgere le loro ricerche, i piccoli di Parabiago si trovino a collaborare online su un “documento condiviso”, affinando dunque anche le competenze digitali: le classi, inoltre, “grazie ai sostegni ricevuti quest’anno- spiega la preside Fugaro- sono state dotate di tutta l’attrezzatura necessaria” per lavorare con le risorse tecnologiche e digitali adatte. Purtroppo “i nostri nuovi compagni tedeschi sono in una classe terminale, poiché in Germania la primaria termina alla quarta annualità” tuttavia “pensiamo in futuro di continuare a scoprire altre realtà scolastiche ed educative in Europa” commentano infine dall’istituto.

Il festival dell’innovazione scolastica, alla sua prima edizione, è promosso dall’associazione Apis ‘Amore per il sapere’, dall’istituto superiore ‘Verdi’ di Valdobbiadene e dalla scuola di formazione professionale per la ristorazione e la produzione alimentare Dieffe ‘Berton’ che sorge nello stesso comune. Nelle intenzioni dei promotori, la due giorni si terrà in presenza. Protagoniste saranno appunto 20 scuole italiane di ogni ordine e grado che, di fronte alle difficoltà della scuola in pandemia, hanno sperimentato “con passione e dedizione” nuovi metodi di insegnamento; scuole che, citando gli organizzatori del festival, hanno cercato di “hackerare la scuola” cioè, da dizionario, “aumentare i gradi di libertà di un sistema chiuso e insegnare ad altri come mantenerlo libero ed efficiente”.

Il lavoro della primaria di via Brescia è disponibile su ‘La scuola fa notizia‘, il portale di giornalismo dell’agenzia Dire, a questo link lascuolafanotizia.it/2021/06/09/lets-meet-again/.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»