Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Rifiuti, Zingaretti sbotta: “Cittadini italiani si sono rotti i coglioni della monnezza di Roma”

"Il Comune di Roma non fa il proprio dovere, è una vergogna che deve finire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, torna a parlare dei rifiuti e lo fa sbottando contro il Campidoglio. L’occasione è l’inaugurazione di un nuovo playground a San Basilio, periferia est della Capitale, dove una cittadina ha chiesto al governatore i motivi della presenza in città dei cumuli di spazzatura: “Dalla Valle D’Aosta alla Sicilia, passando per la Sardegna, andando nelle Marche o in Campania, dove sono più avanti di noi, ovunque nella Repubblica italiana- ha detto- la gestione dei rifiuti è dei Comuni, che hanno il dovere di gestire il ciclo dei rifiuti. Le Regioni fanno la programmazione e indicano quello che i Comuni devono fare. Sono due anni che diciamo che Roma si deve dotare di un sito dove conferire i rifiuti perché i cittadini di Viterbo, di Frosinone, di Albano, dell’Emilia Romagna, della Lombardia, dell’Abruzzo, della Puglia si sono rotti i coglioni di prendere la monnezza che Roma non riesce a mettere sul proprio territorio“.

Zingaretti poi ha ricordato che “l’Unione europea dice che i rifiuti vanno lavorati vicino a dove vengono prodotti. Sono due anni che mi prendo la responsabilità, perché il Comune di Roma non fa il proprio dovere, di firmare delle ordinanze dove obbligo le discariche di Viterbo, della Ciociaria e di altri Comuni ad ospitare la ‘monnezza’ che Roma e il Comune non riesce a collocare”. E questo “per salvare i quartieri di Roma: oggi il 100 per cento della necessità del conferimento è garantita”.

Poi l’affondo: “Paghiamo la tassa sui rifiuti più alta d’Italia, ma l’Ama è una società praticamente fallita, ha cambiato otto amministratori delegati in cinque anni. Abbiamo un Comune che ha cambiato quattro assessori in cinque anni. È una vergogna, non c’è programmazione e non si riesce più a raccogliere la monnezza per la strada. Ci sono dei sorci grossi così e i cinghiali perché la città non riesce più a essere pulita, è una vergogna“.

Infine, Zingaretti ha invitato la cittadina in questione a essere presente con lui a Viterbo “a spiegare alle famiglie, da cui sono stato eletto, i motivi per cui da tre anni gli abbiamo riempito la discarica con i rifiuti nostri, perché qui nessuno decide. È una vergogna, non mi stancherò mai di dirlo”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»