Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tunisia, resse nei centri di vaccinazione: destituito ministro della salute

Nelle ultime settimane la diffusione del coronavirus in Tunisia ha accelerato e il sistema di assistenza è ormai in una fase critica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il ministro della Sanità della Tunisia, Faouzi Mehdi, è stato destituito dopo polemiche legate a resse e disordini in occasione di “open day” per la vaccinazione contro il Covid-19 coincisi con la festa musulmana dell’Eid Al-Adha. Ad annunciare la decisione è stato, senza motivarne le ragioni, il capo del governo Hichem Mechichi.

Fonti di stampa concordanti avevano riferito che in occasione degli open day, al via ieri in 29 centri di vaccinazione abilitati ai quali potevano avere accesso tutti i maggiorenni, senza alcuna prenotazione, si sono verificati disordini e resse e i farmaci sono poi presto esauriti. L’incarico di ministro della Sanità è stato assunto, in via provvisoria, dal titolare per gli Affari sociali Mohamed Trabelsi.

Nelle ultime settimane la diffusione del nuovo coronavirus in Tunisia ha accelerato. Secondo le stime ufficiali, i morti sono stati oltre 17mila, a fronte di più di 540mila contagiati. Anche dirigenti della Sanità, però, hanno denunciato che molti decessi continuano a sfuggire alle statistiche.

Secondo Rafla Tej Dellagi, a capo del centro di vaccinazione presso il Palais des Congrès di Tunisi, “il sistema di assistenza è ormai in una fase critica, non solo per i 200 morti al giorno ma anche per i servizi ai pazienti, i ricoveri e i letti con ventilatori tutti occupati”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»