Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Confiscati ad Ancona 260.000 euro di beni a una donna con 67 ‘alias’

operazione Alias Ancona
Tra i beni sequestrati un appartamento di pregio a Falconara Marittima, due terreni nelle province di Ancona e Macerata, un camper, una Porsche Panamera ed altre somme presenti sui conti correnti e depositi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ANCONA – Confiscati beni per un importo complessivo di circa 260mila euro ad una donna di 34 anni (D.R.) bosniaca di etnia rom ritenuta socialmente pericolosa in quanto condannata per plurimi reati contro il patrimonio. I militari del Gico della Guardia di finanza di Ancona, nell’ambito dell’operazione ‘Alias’, hanno dato esecuzione ad una misura di prevenzione a carattere patrimoniale disposta dal Tribunale di Ancona. Le indagini svolte dalle Fiamme gialle doriche hanno permesso di dimostrare che i delitti contestati alla donna erano stati commessi con continuità in un arco di tempo di circa vent’anni (il primo reato risale addirittura a quando la cittadina bosniaca aveva appena 14 anni), durante i quali la stessa aveva fornito agli organi di Polizia 67 differenti ‘alias’ per rendere più difficile agli investigatori la propria identificazione.

La donna inoltre era gravata da un ordine di esecuzione della pena emesso dalla Procura generale di Ancona per una condanna complessiva di 15 anni ed otto mesi di reclusione, mai eseguita a causa del suo ripetuto stato di maternità. Dagli accertamenti effettuati è inoltre emerso che gli esigui redditi leciti dichiarati dalla donna non giustificassero il valore dei beni posseduti. Tra i beni sequestrati un appartamento di pregio a Falconara Marittima, due terreni ubicati nelle province di Ancona e Macerata, un camper, una Porsche Panamera ed altre somme presenti sui conti correnti e depositi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»