Campania by night, con Scabec il Balletto del San Carlo approda al Castello di Baia

In scena "Le Quattro Stagioni" di Vivaldi. Lissner (sovrintendente e direttore del Teatro San Carlo di Napoli): "Bello il rapporto palcoscenico-pubblico”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


NAPOLI – “Riconvertire questo spazio museale in un luogo di eventi contemporanei e’ uno dei nostri obiettivi. Quella che e’ iniziata e’ una rassegna che ci accompagnera’ per altre tre data al Castello e altrettante alle Terme di Baia“. Cosi’ alla Dire Fabio Pagano, direttore del parco archeologico dei Campi Flegrei, in occasione de ‘Le Quattro Stagioni’ di Vivaldi messo in scena dal Balletto del Teatro di San Carlo al Castello di Baia nell’ambito di Campania by night, la rassegna di eventi culturali e di spettacoli in siti suggestivi, parchi archeologici, piazze storiche e palazzi, promossa e organizzata dalla Scabec, con circa 70 eventi in oltre 20 siti, su tutto il territorio regionale.
“Il castello, con il museo archeologico dei Campi Flegrei, rappresenta – sottolinea il sindaco di Bacoli, Josi Della Ragione – una gemma della Campania e del Sud Italia. La piazza d’Armi deve diventare sempre piu’ della citta’ ed e’ da qui che deve partire il vero rilancio del territorio”. A Ste’phane Lissner, sovrintendente e direttore del Teatro San Carlo di Napoli, e’ piaciuto molto “il posto, ma anche il rapporto tra il palcoscenico e il pubblico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»