Alex Zanardi è stato dimesso dalla terapia intensiva

In questi giorni e' stata completata la fase di sospensione della sedazione. Oggi l'atleta sarà trasferito in un centro specialistico per il recupero e la riabilitazione funzionale
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

FIRENZE – Alex Zanardi e’ stato dimesso dalla terapia intensiva dell’ospedale Le Scotte di Siena. E adesso per il campione bolognese, ricoverato dopo il grave incidente in handbike a Pienza dello scorso 19 giugno, si apre il percorso della neuro-riabilitazione in un’altra struttura. È quanto riferisce l’Azienda ospedaliero-universitaria senese nell’ultimo bollettino sulle sue condizioni di salute. 

LEGGI ANCHE: Alex Zanardi, cinque ore sotto i ferri per la ricostruzione cranio-facciale

In questi giorni e’ stata completata la fase di sospensione della sedazione, al termine della quale e’ stata accertata la stabilita’ dei parametri cardio-respiratori e metabolici e della situazione clinica generale. Elemento che ha consentito oggi il trasferimento in un centro specialistico per il recupero e la riabilitazione funzionale. “I nostri professionisti- afferma il direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria senese Valtere Giovannini- rimangono a disposizione di questa straordinaria persona e della sua famiglia per le ulteriori fasi di sviluppo clinico, diagnostico e terapeutico, come sempre accade in questi casi. Ringrazio di cuore l’e’quipe multidisciplinare che ha preso in cura Zanardi mettendo in campo una grande professionalita’, riconosciuta a livello nazionale e non solo”. L’atleta, aggiunge, “ha trascorso oltre un mese nel nostro ospedale: e’ stato sottoposto a tre delicati interventi chirurgici e ha mostrato un percorso di stabilita’ delle sue condizioni cliniche e dei parametri vitali che ha permesso la riduzione e sospensione della sedazione, e la conseguente possibilita’ di poter essere trasferito in una struttura per la necessaria neuro-riabilitazione”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»