Scuola, l’Emilia-Romagna accelera: lezioni al via dal 14 settembre

L'Emilia-Romagna accelera sulla ripresa delle scuole, fissando a lunedi' 14 settembre il ritorno in classe. L'ultima campanella invece suonera' sabato 5 giugno 2021
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BOLOGNA – L’Emilia-Romagna accelera sulla ripresa delle scuole, fissando a lunedi’ 14 settembre il ritorno in classe. L’ultima campanella invece suonera’ sabato 5 giugno 2021.
Le date sono state messe nero su bianco dalla Giunta Bonaccini, in una delibera approvata dopo aver acquisito il parere della Conferenza regionale per il sistema formativo.

A settembre si partira’ quindi con un giorno di anticipo rispetto al calendario scolastico generale fissato con la delibera del 2012 (sarebbe stato il 15 settembre). Le date sono valide per tutti i cicli di studio: elementari, medie, superiori e formazione professionale. Per le scuole materne, invece, vista la “rilevanza e specificita’ del servizio educativo offerto- spiega la Regione- viene confermata la facolta’ di anticipare la data di apertura e di posticipare il termine delle attivita’ didattiche con le motivazioni, le modalita’ e nei limiti previsti dalla delibera del 2012″. La scelta quindi deve rispondere alle “finalita’ del piano dell’offerta formativa e alle decisioni degli organi collegiali della scuola interessata” e deve essere “assunta d’intesa con il Comune di appartenenza”. 

“Abbiamo ritenuto opportuno, d’intesa con i sindacati e tutti i soggetti che partecipano al tavolo regionale, anticipare di un giorno per quest’anno l’avvio delle lezioni- spiegano il governatore Stefano Bonaccini e l’assessore regionale all’Istruzione, Paola Salomoni- tenuto conto delle condizioni nelle quali si e’ potuta svolgere l’attivita’ scolastica dal 23 febbraio in poi, a causa dell’emergenza coronavirus”. Nel frattempo, assicurano Bonaccini e Salomoni, “prosegue quotidianamente il lavoro con i dirigenti scolastici e tutti gli interlocutori coinvolti per assicurare alle famiglie, al personale della scuola e del sistema formativo e a tutti gli studenti dell’Emilia-Romagna una ripartenza in sicurezza e in tranquillita’. Fin dall’inizio abbiamo detto che la riapertura delle scuole a settembre, in presenza, era la priorita’, perche’ non esiste vera ripartenza senza studenti in aula”, rivendicano presidente e assessore.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

21 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»